violenzadonne

No alla violenza sulle donne. Il flash mob di denuncia di “Cambiamo Messina dal basso”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

violenzadonneI dati Istat parlano di 6 milioni di donne vittime di violenze in Italia. Nel solo 2012 sono state 124 quelle assassinate e 100 fino a settembre 2013. In vista della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, che si terrà il 25 novembre,  il gruppo di lavoro “Pari Opportunità” del movimento “Cambiamo Messina dal Basso”, organizza,sabato 23 novembre, alle 23.30, a Piazza Duomo (in caso di pioggia alla Galleria Vittorio Emanuele), un Flash Mob per ribadire il dissenso nei confronti di questo fenomeno.

La violenza contro le donne costituisce una delle più gravi violazioni dei diritti umani e non conosce confini di nazione, etnia, credo religioso, convinzioni personali, appartenenza politica, sociale e culturale. Il fenomeno si configura, innanzitutto, come un problema culturale, che affonda le proprie radici in una visione asimmetrica del rapporto uomo-donna. Visione, questa, che impone un unico modello culturale e sociale, difficile da riconoscere per potersene poi distaccare.

Le donne vittime di violenza spesso subiscono in silenzio. La domande che urge porsi sono: “Quanto è responsabile la nostra cultura?” e “Perché ancora oggi persiste un modello relazionale così disequilibrato?”.

Il flash mob organizzato da “Cambiamo Messina dal basso” si pone l’obiettivo di rompere il silenzio e ricordare tutte le donne uccise, «non da raptus, non dalla gelosia — dicono — ma da una cultura che ancora oggi lo consente».

 

Sempre sabato 23, alle 18.00, nella saletta al primo piano del Palacultura, si svolgerà un incontro pubblico sul tema. Al dibattito, organizzato dall’assessorato comunale alle pari opportunità, saranno presenti il sindaco, Renato Accorinti, e l’assessore al ramo, Patrizia Panarello. In programma gli interventi della prof.ssa Antonella Cocchiara, che relazionerà su “Le radici della violenza sulle donne e la pluralità delle forme di contrasto”, e del Cedav con “In quanto donna, la violenza di genere: fenomeno e stereotipi”.

 

(44)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.