negozi chiusi messina

Messina “zona rossa”, è allarme per il commercio. Penna: «Negozi allo stremo»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Le nuove restrizioni in vigore da oggi, lunedì 11 gennaio, con l’istituzione della zona rossa a Messina colpiscono inevitabilmente il commercio locale. A dar voce ai titolari e lavoratori dei negozi della città è il presidente dell’associazione Millevetrine, Sandro Penna, che sottolinea come quanto sta accadendo abbia avuto e avrà pesanti ricadute sull’economia cittadina nel suo complesso: «Il 70% del commercio al dettaglio è allo stremo».

«Il commercio messinese – scrive il presidente di Millevetrine sulla pagina Facebook dell’Associazione – si ferma nuovamente per tre settimane all’inizio dei saldi. Articoli da regalo, abbigliamento, pelletterie e calzature, ovvero il 70% del commercio al dettaglio è allo stremo. Condividiamo questo ennesimo, enorme, e forse inutile sacrificio, con i colleghi della ristorazione, del turismo, dello spettacolo e dell’intrattenimento. Facciamo la nostra parte senza alcuna certezza che, salvi dal Covid, saranno salve anche le nostre aziende».

Al di là di quelle attività maggiormente toccate dall’ordinanza De Luca (sulla quale i dubbi sono ancora tanti), che – in quanto considerate a livello nazionale e regionale “di prima necessità” – avrebbero potuto rimanere aperte nonostante la zona rossa; Sandro Penna fa riferimento a tutti quei negozi che vendono abbigliamento, oggettistica, calzature, e così via, e che quindi sarebbero stati chiusi indipendentemente dai provvedimenti del Sindaco: «Prendiamo atto della chiusura – specifica.  Purtroppo Messina, e chi per lei, non ha avuto la capacità di arginare il propagarsi della pandemia. Ne paghiamo le conseguenze, insieme ai colleghi del turismo, della ristorazione e di tutti i settori colpiti».

Per quel che riguarda l’ordinanza De Luca, da imprenditore, Sandro Penna evidenzia quelle che possono essere le conseguenze sul lungo periodo: «Non è un attacco contro nessuno – specifica. L’ordinanza di De Luca riguarda altri commercianti, non me o i miei colleghi. Ma è un collasso generale della città, questo va detto. Genererà un’ulteriore contrazione del Pil, che avrà ricadute su tutti i messinesi». La speranza, aggiunge, risiede nei “ristori” che «sono sicuro» arriveranno dal Governo nazionale «non sono sicuro, però – sottolinea –, che il sindaco De Luca troverà le risorse per “ristorare” le attività che lui ha deciso di chiudere».

Se per il futuro il cielo rimane nebuloso ed è ancora presto per fare previsioni, i dati dell’ultimo anno parlano chiaro: «In linea di massima – spiega il presidente di Millevetrine – su base annua, in un settore come quello degli articoli da regalo, che secondo me non è molto distante dall’abbigliamento, l’anno si è concluso con almeno un 30%-40% di decremento causa covid».

La “botta più forte” da questo punto di vista, chiarisce Penna: «È stata anche la chiusura alle 19.00, che sarà stata anche solo di qualche giorno, ma che ha influito moltissimo la settimana prima e quella dopo. Queste cose quando accadono hanno una sorta di “effetto di anticipo” e di “rimbalzo”, prima e dopo. Guardando i dati, a novembre c’è stato questo crollo del 50%, seguito da una lieve ripresa a dicembre, dove la flessione è stata del 40%». Numeri, questi, a dir poco preoccupanti, che raccontano in parte le condizioni del commercio al dettaglio a Messina: «Nel 2020 abbiamo registrato dal 30% al 50% di decremento su base annua rispetto ai dati del 2019, chi più chi meno a seconda della categoria merceologica».

Insomma, quello che accadrà in futuro è ancora da vedersi e gli effetti maggiori di tutta questa situazione causata dal coronavirus si potranno rilevare non prima dell’estate o dell’autunno, supponendo che per allora si possa tornare alla normalità. «Speriamo – conclude amaramente Penna – di non morire di fame piuttosto che di covid, dovrebbero trovare un vaccino anche contro il male economico che ci sta colpendo tutti».

(563)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.