Messina, ultimati i lavori al Mercato Zaera: pronti 32 box e 50 posti auto

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Tenetevi pronti, perché a breve apre il nuovo Mercato Zaera di Messina. I lavori per la realizzazione del mercato rionale, infatti, sono stati completati lo scorso 16 dicembre dall’impresa appaltatrice Bellia di Agrigento. Nei giorni scorsi, sopralluogo del sindaco Cateno De Luca e dell’assessore Salvatore Mondello insieme al Rup Leotta e al Direttore dei Lavori Enrico Costa.

Da dicembre a marzo, sono stati realizzati – su richiesta dei commercianti assegnatari dei Box di vendita – delle saracinesche metalliche a chiusura del fronte. Adesso il nuovo Mercato Zaera comprende:

  • 32 box;
  • 50 posti auto;
  • 10 posti moto.

Il costo complessivo della struttura è stato di 1.477,000 euro. Già dalla prossima settimana si potranno avviare le attività di allestimento e di allaccio ai pubblici servizi.

Il nuovo Mercato Zaera di Messina

È il sindaco De Luca – in diretta sui social – a inaugurare i nuovi spazi del Mercato Zaera, uno dei mercati rionali storici di Messina. «Siamo sul viale Europa – esordisce De Luca – zona in cui sorgeva il Mercato Zaera. Abbiamo sempre puntato sui mercati. Un ambito complicato segnato dalle carenze igenico-sanitarie ma anche dalle richieste dei commercianti, che temporaneamente erano stati trasferiti – per problemi con l’allaccio elettrico – all’ex Mercato Ittico. Dalla prossima settimana saranno consegnati i box e verranno poi fatti gli allacci che servono».

«All’interno del Mercato – aggiunge l’assessore Salvatore Mondello – ci saranno 32 box, 50 posti auto e 10 posti moto. Abbiamo superato diversi ostacoli, uno fra tutti il rilevamento di alcuni reperti archeologici, grazie alla Soprintendenza (rinvenute a maggio del 2019 tracce di un muraglione e di una struttura a mattoni con malta cementizia, risalenti al 1852 circa, ndr.). Questo ha comportato un po’ di ritardo. I mercatali ci hanno anche chiesto di fare delle modifiche alle saracinesche». Adesso si attende l’appalto del restyling del mercato Vascone e la ricostruzione di quello Sant’Orsola.

(569)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ma il progetto non era differente da quanto realizzato? Cosa è accaduto in corso d’opera?

    1. che i soldi rimasti dal finanziamento…… han prodotto questa ciofega e che fine hanno fatto i pannelli solari?

error: Contenuto protetto.