Messina ricorda la rivolta del I settembre 1847 nel luogo in cui “iniziava il Risorgimento Italiano”

targa in via I settembre che commemora la rivolta di messina del 1847Domani Messina ricorda la rivolta del I settembre che nel 1847 diede il via ai moti risorgimentali del 1848. La manifestazione si svolgerà a piazza Duomo e prevede la deposizione di una corona d’alloro ai piedi delle lapidi commemorative poste all’angolo di via I settembre.

La manifestazione, promossa dal Comitato Messina908, inizierà alle 11.00 di domani, martedì 1 settembre, e vedrà la partecipazione dell’assessore alla Cultura Enzo Caruso e della Brigata Aosta. A una settimana di distanza, martedì 8 settembre, invece, è previsto un secondo appuntamento dedicato al Risorgimento, questa volta nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca. Tema di quest’ultimo incontro sarà “Il clero messinese nel Risorgimento”, su cui relazionerà il Direttore dell’Archivio Storico Messinese, Giovan Giuseppe Mellusi.

La commemorazione che si svolgerà domani, durante la quale il professor Dino Calderone posizionerà una corona d’alloro ai piedi delle lapidi di via I Settembre a nome del Comitato Messina908, ricorda la rivolta del primo settembre 1847 durante la quale un gruppo di persone, guidate da Giovanni Krymi, Antonio Pracanica e Paolo Restuccia, insorgerà con armi improvvisate contro il governo borbonico. Il moto verrà represso dalle truppe borboniche in poche ore, ma è considerato uno dei primi “fuochi” del risorgimento italiano.

«La cittadinanza – dichiara il prof. Calderone – è invitata a partecipare per fare memoria di uno dei momenti più significativi della storia della città di Messina e non disperdere un patrimonio di idee e valori che vanno ben oltre gli schieramenti politici e le diverse sensibilità culturali».

Martedì 8 settembre l’ingresso al Salone delle Bandiere sarà consentito a un numero limitato di persone, in ottemperanza alle normative anti-coronavirus. Obbligatorio l’uso della mascherina. È possibile prenotare l’ingresso chiamando il numero 3385677501.

(163)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *