assessori giunta federico basile

“Messina per la cultura”, la Giunta ripropone la fondazione Messenion (ma con un altro nome)

Pubblicato il alle

2' min di lettura

No, non è il giorno della marmotta, ma c’è una leggera sensazione di deja vu: a Palazzo Zanca rispunta lo spettro della Fondazione Messenion, ma con un nuovo nome, “Messina per la cultura”. La Giunta Basile ha infatti redatto un nuovo atto di indirizzo, molto simile alla delibera precedente, per portare in Consiglio Comunale la creazione di una fondazione di partecipazione che serva a promuovere la cultura nella città dello Stretto. Soci fondatori di quest’ipotetica nuova struttura sarebbero il Comune e la Città Metropolitana, che dovrebbero mettere 200mila euro a testa come quota di partenza.

Bocciata dallo scorso Consiglio Comunale e oggetto di acceso dibattito a ridosso delle elezioni amministrative del 12 giugno 2022, la Fondazione Messenion è rispuntata tra i programmi della Giunta Basile dopo un primo accenno da parte del neo-sindaco a inizio estate, in occasione della “Festa della musica“. L’atto di indirizzo è oggi disponibile sul sito del Comune di Messina, è datato 16 settembre 2022, e ricalca la vecchia delibera. Obiettivo di questa fondazione di partecipazione sarebbe quello di diventare un «centro di ideazione e produzione di cultura» come si legge nell’atto di indirizzo, che «persegue finalità di promozione culturale, promuovendo, realizzando e partecipando ad iniziative ed eventi culturali, artistici e sociali di ambito e di rilevanza locale e/o nazionale ed internazionale, anche attivando forme di collaborazione con altri soggetti pubblici e privati».

Per svolgere queste attività, la fondazione avrebbe a disposizione una dotazione finanziaria iniziale di 200mila euro, messi al 50% da Comune e Città Metropolitana, e potrebbe usufruire di «conferimenti in denaro o beni mobili e immobili, o altre utilità impiegabili per il perseguimento degli scopi, effettuati dai Fondatori o dai Partecipanti». Sarà persona giuridica di diritto privato senza fine di lucro, dotata di piena capacità di agire e piena autonomia statutaria e gestionale e avrà durata illimitata. L’atto adesso dovrà approdare in Consiglio Comunale, ma data la maggioranza (più Iva) che appoggia il sindaco Federico Basile, difficilmente verrà rigettata.

A osteggiare con fermezza la creazione della Fondazione Messenion nella seduta del 9 marzo 2022 che portò alla sua bocciatura furono il Movimento 5 Stelle, il Partito Democratico e diversi partiti di centrodestra, da Fratelli d’Italia, alla Lega, passando per Ora Sicilia.

A questo link è possibile consultare l’atto di indirizzo.

(109)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.