tirocini comune messina

Risanamento Messina, partiti i primi 40 tirocini d’inclusione del Comune

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È ufficialmente partito, per i primi 40 soggetti coinvolti, il tirocinioPercorsi nuovi di accompagnamento all’abitare e risanamento urbano” voluto dal Comune di Messina per i residenti delle zone della città dov’è stato portato avanti il processo di risanamento delle abitazioni.

Dopo la conferenza stampa inaugurale del 20 dicembre, a cui ha preso parte, tra gli altri, lo storico cantante Mogol, ieri, martedì 28 dicembre, il presidente della MessinaServizi, Pippo Lombardo, ha tenuto il primo corso relativo alla sicurezza.

Si tratta di un percorso di inclusione che, si spera, terminerà con la formazione di risorse umane specializzate che potranno successivamente essere impiegate nei programmi di investimento nel settore del verde pubblico e del decoro della città.

«Risanare – ha dichiarato il sindaco Cateno De Luca – non è soltanto una mera operazione edilizia di acquisto e vendita di abitazioni, ma il nostro obiettivo è offrire a chi per tanti anni ha vissuto situazioni di precarietà abitativa non per scelta, ma per carenza di possibilità alternative, oltre una casa, un percorso di reiserimento nel tessuto sociale al fine di garantire la capacità di autonomia di queste famiglie».

I tirocini del Comune di Messina, che dureranno un anno e saranno retribuiti mensilmente con un compenso di 600 euro, sono stati divisi in tre fasi, la prima terminata ieri. Da oggi, mercoledì 29 dicembre, e fino a venerdì 31 i corsi di formazione sono previsti per altri 400 tirocinanti, mentre le 1.100 unità mancanti provvederanno a completarlo nel corso del 2022.

(68)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.