Messina. L’Ospedale Papardo cura lo stress delle pazienti con la Lanaterapia

Foto dell'ospedale Papardo di MessinaLavorare a maglia aiuta a diminuire lo stress, fa bene al corpo e alla mente. Lo sanno bene le pazienti del reparto oncologico dell’Ospedale Papardo di Messina che, proprio dall’inizio di quest’anno, sono state coinvolte nel progetto di Lanaterapia ideato dall’associazione Gomitolorosa.

L’associazione no profit Gomitolorosa è nata nel 2014 per volontà del dottor Alberto Costa e si occupa di supportare le donne malate di tumore al seno promuovendo il lavoro a maglia negli ospedali, come strumento per ridurre l’ansia in pazienti.

Ma perché proprio il lavoro a maglia? «Muovere continuamente le mani – si può leggere sul sito dell’Associazione – significa riscaldarle e diminuire i dolori di artrite. Aiuta a recuperare la calma in una situazione di stress o ansia, grazie all’aumento delle endorfine che ci donano una splendida sensazione di benessere. Migliora l’umore, aiuta a socializzare, a stringere nuove amicizie. Stimola creatività, estro e pazienza. Migliora l’autostima perché implica un obiettivo e il suo raggiungimento, vedere la propria creazione che si evolve è gratificante».

Insomma, il lavoro a maglia non è solo un passatempo come un altro, ma una vera e propria terapia. Gomitolorosa ha portato la Lanaterapia in diversi ospedali in tutta Italia. Oltre al Papardo di Messina hanno aderito all’iniziativa, tra gli altri, gli ospedali di Latina, Biella, Bergamo, Torino e Milano.

(1059)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *