Messina, la Prefettura cerca strutture per l’accoglienza profughi dall’Ucraina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La macchina dell’accoglienza si è messa in moto e, con l’arrivo in Italia dei primi profughi provenienti dall’Ucraina, anche Messina si sta attivando. Mentre il Comune ha aperto lo Sportello di Segretariato Sociale, la Prefettura ha pubblicato un avviso con l’obiettivo di individuare in città della strutture che possano ospitare le persone in fuga dalla guerra.

Dopo il tavolo svoltosi lo scorso 7 marzo, la Prefettura, guidata dal Prefetto Cosima Di Stani, ha avviato una ricognizione dei beni confiscati alla criminalità organizzata e degli immobili attualmente nella disponibilità delle amministrazioni locali e degli enti, con l’obiettivo di individuare strutture da adibire all’accoglienza. Particolare attenzione è stata posta e sarà posta all’accoglienza dei minori ucraini non accompagnati. È stato inoltre realizzato uno spazio dedicato all’interno del sito della Prefettura, la “Sezione Emergenza Ucraina”, con documenti in lingua italiana, inglese e ucraina.

In questo frangente, la Prefettura di Messina ha pubblicato un avviso di manifestazione di interesse con l’obiettivo di individuare strutture temporanee da destinare a centri d’accoglienza per i profughi ucraini. L’avviso è indirizzato agli operatori iscritti nel registro della Camera del Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura in un settore di intervento pertinente all’oggetto dell’avviso ovvero iscrizione in albi specifici in ragione della forma giuridica. Per quel che riguarda l’immobile, questo deve poter ospitare fino ad un massimo di 50 ospiti in almeno due sedi, mentre il gestore deve avere esperienza nell’attività di gestione del fenomeno migratorio.

L’importo a base d’asta è di 27,50 euro pro die-pro capite per il servizio di gestione dei centri di accoglienza, di 150,00 euro per singolo Kit di primo ingresso (per singolo migrante al giorno, considerando un turnover di due volte all’anno), di  2,50 euro per la fornitura del Pocket Money, di 5,00 euro per la fornitura della scheda telefonica. Il criterio di aggiudicazione è quello del minor prezzo, ai sensi dell’art. 95 comma 4, del D.lgs n. 50/2016. La durata del servizio è fissata al 31 dicembre 2022. La scadenza per partecipare all’avviso è fissata alle ore 12.00 del 22 marzo 2022.

Maggiori informazioni possono essere reperite a questo link, sul sito della Prefettura di Messina.

(137)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.