Messina, in via Santa Marta degrado e pericolo: richiesti interventi urgenti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

«Pericolo e degrado strutturale» esordiscono così i consiglieri comunali di Fratelli d’Italia; Libero Gioveni, Dario Carbone e Pasquale Currò, in riferimento alla via Santa Marta di Messina, per la quale vengono chiesti degli interventi urgenti. «Chiediamo – continua la nota – immediati interventi di ripristino della sede stradale di via Santa Marta, ridotta in uno stato di pericoloso degrado strutturale a seguito dei lavori connessi con quelli di messa in sicurezza del torrente Bisconte – Catarratti.

Negli ultimi mesi – dicono ancora i tre consiglieri – sono stati realizzati i lavori di scavo e posa di una nuova e lunga condotta fognaria nel tratto a monte di via Santa Marta, resasi necessari per collegare e sostenere il nuovo impianto realizzato lungo l’asse del torrente, con innumerevoli disagi per i residenti e soprattutto per i commercianti della zona. Tali lavori però, a distanza di settimane, non sono stati ancora rifiniti con la posa dell’asfalto e non si riescono a comprenderne i motivi».

Richiesti interventi per la via Santa Marta

Secondo i consiglieri comunali di Fratelli d’Italia «ad aggravare ancor più la situazione negli ultimi giorni è stata la comparsa di pericolose voragini a ridosso dell’area di intervento, oggi debitamente recintate ma che interferiscono con la circolazione dei veicoli essendo ubicate al centro della carreggiata. Riteniamo non siano più procrastinabili i necessari e urgenti interventi di ripristino e messa in sicurezza della via santa Marta, fondamentale strada di collegamento fra il centro città, la vallata di Camaro e lo stesso svincolo di Messina Centro, ancor di più in questo periodo di forti criticità presenti sull’unica strada alternativa rappresentata dal viale Europa».

La messa in sicurezza di Bisconte – Catarratti

La messa in sicurezza del Torrente Bisconte – Catarratti è stata annunciata a ottobre 2019 dall’ex Amministrazione De Luca ed è costata complessivamente oltre 22 milioni di euro con fondi della Struttura commissariale contro il dissesto idrogeologico, guidata da Nello Musumeci.

(42)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.