teatro vittorio emanuele di messina

Che futuro per il Teatro Vittorio Emanuele? La preoccupazione dei sindacati

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Che destino avrà il Teatro Vittorio Emanuele di Messina? L’autrice, regista e interprete Cristiana Minasi della Compagnia Carullo-Minasi, lo scorso 21 agosto, in un lungo post sui social aveva chiesto di fare chiarezza sulle sorti della manifestazione d’interesse per la nomina dei nuovi direttori artistici del Teatro; da circa un anno si aspetta di conoscere chi prenderà il posto di Simona Celi Zanetti (sezione prosa) e Matteo Pappalardo (sezione musica).

«Troppo silenzio, troppo disinteresse. Quali le sorti del Teatro, meglio, dei “Teatri” a Messina? La vicenda della nomima – scriveva la Minasi – è solo fatto paradigmatico di quel qualcosa di più complesso che bisogna cominciare a dipanare. Teatri che non sono solo spazi fisici, ma mentali. E lo dico al plurale sì, perché ci sono molteplici forme di Teatro che è necessario che vengano garantite e tutelate nei loro molteplici “spazi” di realizzazione: produzione, formazione, circuitazione, direzione, fruizione. In una sola parola, sempre declinata al plurale, “visioni”».

Le sorti del Teatro di Messina

A intervenire adesso anche il Sindacato Lavoratori della Comunicazione (SLC – CGIL) che in una nota parla di: «grandi preoccupazioni per la gestione e le sorti del Teatro Vittorio Emanuele di Messina». «Siamo preoccupati – dicono il Segretario Generale Antonio Di Guardo e il Responsabile del Dipartimento Artisti Giacomo Farina – perché dopo il rifiuto silente alle nostre richieste di incontro informativo, sulle attività programmatiche soprattutto nei confronti del territorio, nulla trapela su questo argomento.

Siamo preoccupati perché il Consiglio di amministrazione dell’Ente Teatro di Messina aveva annunciato di occuparsi della programmazione prima della naturale decadenza lanciando, contemporaneamente, il bando per i nuovi direttori artistici: quindi questi ultimi si troveranno una stagione già prestabilita? Siamo sconcertati – continuano Di Guardo e Farina – perché nel bando per le direzioni artistiche, nulla rimanda ad una attenzione nei confronti dei tanti bravi artisti del territorio e delle esperienze cittadine.

Siamo inoltre inquietati perché ad agosto i tre consiglieri del Cda sono scaduti e ci chiediamo se la scelta dei nuovi direttori artistici, che a nostro avviso vanno sempre e comunque scelti dal Consiglio di amministrazione per competenza palese e disponibilità, la faranno i consiglieri uscenti precostituendo, di fatto, il percorso ai nuovi consiglieri. Come sindacato – conclude la SLC-CGIL Messina –, continueremo a monitorare la situazione a tutela dell’occupazione, della sicurezza e della dignità professionale e retributiva; rappresentare le istanze, finora deluse, è nell’interesse del territorio messinese. Siamo sempre pronti, inoltre, a confrontarci con la governance per un rilancio della cultura cittadina».

L’avviso pubblico per la manifestazione di interesse per la selezione dei direttori artistici del Teatro Vittorio Emanuele è stato pubblicato il 23 maggio 2023, a breve dovrebbe arrivare la nomina delle nuove figure.

(139)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.