cda (consiglio di amministrazione) arisme, agenzia per il risanamento-messina

Messina, ricostituito il CdA di Arisme dopo le dimissioni di Currò: ecco chi ne fa parte

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ricostituito il CdA dell’Agenzia per il Risanamento di Messina (Arisme), dopo le dimissioni dell’ex consigliere Pietro Currò, nominato assessore della Giunta Basile. Al suo posto, entra il dottor Mario Briguglio, ex sindaco di Scaletta.

Passaggio di testimone all’Agenzia per il Risanamento di Messina. Dopo le dimissioni di Pietro Currò, che ha lasciato il proprio incarico all’interno del Consiglio di Amministrazione per il nuovo ruolo di assessore comunale nella città dello Stretto, è stato pubblicato l’avviso per la selezione di un suo sostituto. Chiusi il 31 luglio 2023 i termini per la presentazione delle candidature, nella giornata di ieri, 10 agosto, il sindaco Federico Basile ha nominato il nuovo membro del CdA: si tratta del dottor Mario Briguglio, ex sindaco del Comune di Scaletta.

Pubblicato il decreto di nomina, il ricostituito CdA di Arisme – composto oggi dal dottor Mario Briguglio e dall’ingegnere Francesca Martello quali componenti e dall’avvocato Vincenzo La Cava in qualità di presidente – ha incontrato a Palazzo Zanca il sindaco di Messina, Federico Basile, e il vicesindaco Salvatore Mondello. «Il nostro benvenuto e gli auguri – ha detto Basile – di buon lavoro in seno alla Partecipata comunale che si occupa di un ambito importante per il riscatto e la rinascita della Città di Messina».

Sempre in questo ambito, oggi, 11 agosto, sarà illustrata in conferenza stampa al Comune di Messina una nuova tappa del percorso di risanamento delle aree degradate della città dello Stretto, alla presenza della sottosegretaria ai Rapporti con il Parlamento Matilde Siracusano e del sub commissario al Risanamento di Messina Marcello Scurria. Nel corso dell’incontro saranno esposte le procedure finalizzate all’assegnazione di alloggi a carattere prioritario alle famiglie con persone con disabilità che versano in gravissime condizioni, e a quelle con soggetti fragili.

(234)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.