Messina accoglie il nuovo Arcivescovo, s’insedia oggi monsignor Accolla

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Quella di oggi è una data importante per la chiesa messinese. L’attesa è finita: monsignor Giovanni Accolla, nuovo arcivescovo di Messina, si insedierà alle 17 con una solenne cerimonia al Duomo.  Termina così, la situazione di stallo che si era venuta a creare con le dimissioni di Calogero La Piana, nel 2015, che avevano portato in riva allo Stretto ben due amministratori apostolici, Antonino Raspanti e Luigi Benigno Papa, in attesa della nomina del nuovo Pastore.

Il programma prevede, alle 16,  l’incontro con il sindaco Renato Accorinti, in piazza Unione Europea. Poi il corteo si muoverà verso la cappella di S. Maria all’Arcivescovado in via I Settembre, da dove partirà la processione verso la Cattedrale. Qui, alle 17, il nuovo arcivescovo celebrerà la Messa, insieme ai  concelebranti, il cardinale Paolo Romeo, arcivescovo emerito di Palermo e monsignor Luigi Benigno Papa, che fino ad oggi ha amministrato la chiesa messinese. In occasione dell’importante avvenimento, è prevista una folta rappresentanza di fedeli, ma anche di amici e parenti di Accolla, provenienti dalla diocesi di Siracusa, da cui il nuovo Arcivescovo proviene.

Giovanni Accolla è nato il 29 agosto 1951 a Siracusa, dove ha compiuto anche gli studi teologici.  Ha ricevuto l’ordinazione presbiterale il 13 aprile 1977, incardinandosi nell’arcidiocesi di Siracusa.

È stato Vicario Cooperatore nella parrocchia della Cattedrale e Officiale di Curia. Ha ricoperto l’incarico di Economo diocesano e Direttore della Caritas. Dal 2000 al 2004 è stato Economo dello Studio Teologico San Paolo di Catania.

E’ stato Parroco della parrocchia San Giacomo ai Miracoli di Ortigia e Presidente della Fondazione Sant’Angela Merici (dal 2008), Membro del Collegio dei Consultori, Direttore dell’Ufficio dei Beni Architettonici e l’Edilizia di Culto ed infine Membro del Comitato CEI per l’Edilizia di Culto (dal 2004). Lo scorso 7 dicembre è stato ordinato Vescovo, sempre nella sua Siracusa, al Santuario della Madonna della Lacrime.

 

(185)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.