manifesti provocatori lipari: cercasi schiavo

Manifesti “Cercasi schiavo” a Lipari, Confesercenti: «Intossicano rapporto tra imprese e lavoratori»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Cercasi schiavo”, i manifesti provocatori comparsi il 1° maggio a Lipari hanno fatto storcere non poco il naso a Confesercenti Messina che accusa gli autori di voler «intossicare il rapporto tra imprese e lavoratori». Il presidente Alberto Palella e la referente delle Isole Eolie Dominga Monte intervengono a difesa degli imprenditori eoliani.

Cos’è successo? La mattina del 1° maggio, Lipari si è risvegliata tappezzata di manifesti contro lo sfruttamento dei lavoratori, in cui si invitava chi è sottoposto a “contratti” in nero e ingiusti a fare fronte comune. Questo il testo completo: «Cercasi schiavo per la stagione estiva 800 euro al mese, 10 ore al giorno, no TFR. Contratto irregolare o stipendio a nero. Giorno libero? Ah ah ah. Gli interessati sono invitati a confrontarsi con i loro colleghi, ad attivare solidarietà, a organizzarsi e a far valere i propri diritti. Buon 1° Maggio».

Immediata la replica del presidente di Assoimprese Eolie, Maurizio Cipicchia, che ha criticato l’iniziativa: «Sarebbe stato più opportuno ed onesto, senza trincerarsi nell’anonimato, avere il coraggio di denunciare agli organi competenti». Più o meno dello stesso tenore, la replica di Confesercenti Messina.

A parlare sono il Presidente della Confesercenti Messina Alberto Palella e la referente delle Isole Eolie Dominga Monte: «I manifesti anonimi che la scorsa notte (domenica, ndr) – scrivono in una nota – sono stati affissi abusivamente per le strade di Lipari mostrano la voglia di qualcuno di riportare indietro la storia, intossicando il rapporto tra imprese e lavoratori, alimentando il conflitto sociale, più che individuare le soluzioni. Negli ultimi due anni le imprese eoliane hanno faticato moltissimo e per evitare di chiudere gli imprenditori sono stati costretti a finanziare con il loro patrimonio le casse aziendali. L’impazzimento dei prezzi d’acquisto delle materie prime, delle utenze ed in genere di tutto, prospetta poi una stagione in chiaro-scuro».

«In questo scenario – proseguono Palella e Monte – si tenta di criminalizzare nella pubblica piazza intere categorie d’imprenditori, rovinando l’immagine del sistema economico eoliano, con il rischio di generare ripercussioni negative sulle scelte della meta estiva che i turisti in questo periodo effettuano».

«Le Istituzioni e gli Organi preposti alla Vigilanza ed alla Repressione degli illeciti – concludono i due esponenti di Confesercenti – facciano il loro lavoro con la necessaria serenità, lo stesso faranno gli imprenditori eoliani che in questa stagione metteranno in gioco, ancora una volta le proprie aziende e quindi le proprie vite. Sì, le proprie vite, perché forse qualcuno pensa che le imprese eoliane siano governate dagli Elkann o dai Berlusconi se non dai Bezos o dagli Zuckerberg, invece si tratta di piccole famiglie che da generazioni lavorano e pagano quanto c’è da pagare, saldamente posizionate all’interno dei confini della legalità. Sono parte attiva del sistema economico eoliano, senza cui verrebbe meno la colonna principale dell’economia isolana».

(129)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.