L’Università di Messina presenta il Piano di Uguaglianza di Genere 2021

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Il Piano di Uguaglianza di Genere (GEP – Gender Equality Plan) – tra le le principali azioni del Piano Strategico dell’Università di Messina, è realizzato nell’ambito del progetto di ricerca LeTSGEPs – Leading Towards Sustainable Gender Equality Plans in
research performing organisations.

Martedì 15, dalle 10:00, l’Ateneo messinese presenterà il GEP 2021 approvato di recente dagli organi di governo dell’Università All’incontro interverranno tra gli altri; il Rettore dell’UniME Salvatore Cuzzocrea, la Consigliera di parità della Città Metropolitana di Messina Mariella Crisafulli e la professoressa Luisa Pulejo, responsabile scientifico LeTSGEPs per l’Università di
Messina. Qui il link per seguire l’incontro a distanza.

Cos’è LeTSGEPs?

Il progetto LeTSGEPs, finanziato dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea, è coordinato dall’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, primo ateneo italiano con consolidata esperienza nel Gender Budgeting. La RWTH Aachen University è responsabile del monitoraggio e della valutazione del progetto.

LeTSGEPs ( Leading Towards Sustainable Gender Equality Plans in Research Institutes ) sosterrà la progettazione e l’implementazione di Gender Equality Plans e Gender Budgeting in sei diverse istituzioni e nei loro paesi:

  • Istituto di matematica dell’Accademia serba delle scienze e delle arti (MISANU), Serbia
  • Università di Messina (UNIME), Italia
  • Università di Tirana (UT), Albania
  • Institut de Ciències del Mar (ICM)/Agencia Estatal Consejo Superior de Investigaciones Científicas (CSIC), Spagna
  • Cergy Paris Université (CY), Francia
  • Max-Planck-Gesellschaft (MPG), Germania

L’Università di Messina per la parità di genere

Negli istituti di ricerca esistono ancora squilibri di genere e sono ampiamente tollerati: poche delle posizioni di vertice nel mondo accademico sono occupate da donne e le donne sperimentano ancora una lenta progressione di carriera. Per affrontare questi temi è importante definire obiettivi concreti e adottare misure a livello individuale, culturale e strutturale .

I cambiamenti strutturali, in particolare, garantiscono effetti duraturi e sostenibili. Un potente strumento per questo tipo di cambiamento sono i piani per l’uguaglianza di genere (GEP), che possono svolgere un ruolo chiave nel raggiungimento dell’uguaglianza di genere nelle organizzazioni di istruzione superiore e di ricerca.

Cosa sono i piani per la parità di genere?

I piani per l’uguaglianza di genere sono piani che includono il genere come criterio chiave o variabile, come un modo per integrare una dimensione di genere nella politica. Questi piani possono fungere da strumento di monitoraggio per l’uguaglianza di genere. Tuttavia, i piani per l’uguaglianza di genere non possono raggiungere il loro pieno potenziale senza l’uso del bilancio di genere (GB): valutazione dei budget basata sul genere, che incorpora una prospettiva di genere a tutti i livelli del processo di bilancio al fine di promuovere l’uguaglianza di genere. I bilanci riflettono gli impegni politici reali e garantiscono la sostenibilità delle misure.

Per progettare azioni che affronteranno il pregiudizio di genere nelle organizzazioni che svolgono ricerca (RPO), il progetto formerà una rete di partner con diversi livelli di esperienza nei piani per l’uguaglianza di genere e nel bilancio di genere: lavoreranno insieme per progettare una metodologia comune per implementare i GEP in il loro ambiente. Lo staff locale sarà coinvolto attivamente, così da imparare come progettare GEP su misura per problemi specifici e come implementare GB. Ogni istituzione sarà guidata da un mentore, un professionista esperto in piani di uguaglianza di genere e budget di genere che supporterà lo staff locale in ogni fase del progetto e garantirà la coerenza dell’attuazione. L’attuazione di questi piani su misura sarà continuamente monitorata e adeguata, per lavorare verso le misure più efficaci per il cambiamento sistemico all’interno dell’istituzione.

 

 

(446)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.