mcl

Lettera aperta di Mcl: «Restituiamo alla città le aree occupate “abusivamente”»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

mclDopo il “no” al Ponte, il Movimento Cristiano Lavoratori di Messina (Mcl), rivolge  un appello alle Istituzioni e alle autorità competenti perché vengano restituite alla città le aree urbane occupate “abusivamente” e inutilizzate. «Da tempo il nostro Movimento — spiegano in una nota — chiede la riqualificazione e il riutilizzo delle aree non utilizzate, della Zona falcata, della ex Fiera, delle aree ex  militari,  dell’area ferroviaria compresa tra Gazzi e la Stazione Centrale. Siamo convinti che rivendicarne la restituzione sia un atto di responsabilità che vogliamo assumerci davanti ai cittadini e alle forze politiche che si propongono per governare la nostra Messina». «“Messina-Porta della Sicilia” ha garantito la continuità territoriale del Paese, privandosi delle aree più pregiate del territorio e sopportando il peso di una servitù di passaggio che ancora oggi si svolge nel cuore della città, nonostante l’incalcolabile danno di vite umane, di salute per la popolazione e nei servizi per la cittadinanza. È una condizione insopportabile che richiede un’immediata riparazione  attraverso la dismissione e la restituzione alla città delle aree urbane descritte perché venga data la nuova destinazione d’uso di “Aree per lo Sviluppo”».  «Il necessario rilancio socio-economico di Messina non può che essere collegato a un nuovo modello di sviluppo basato su investimenti privati che mettano assieme il rispetto dell’ambiente e la vivibilità della città. Il Sud ci appartiene e per la Sicilia e il nostro territorio esigiamo riconoscenza proprio per il tributo dato alle esigenze dello Stato di unire un Paese, senza riuscirci appieno o addirittura, limitando invece le ambizioni riposte dai messinesi». Il Mcl di Messina chiede agli Organi Competenti  l’apertura di un tavolo permanente che possa restituire in via definitiva queste aree alla Città e ai suoi Cittadini  «sconfiggendo le lungaggini burocratiche,  le polemiche politiche, la sovrapposizione di competenze e la cura di interessi particolari che per anni hanno strozzato lo sviluppo e il futuro di questa città».

(74)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.