Lavori a Camaro San Paolo sbloccati dalla Giunta De Luca? Cmdb smentisce Minutoli

foto di gruppo di cambiamo messina dal basso - cmdbNon sono andate giù a Cambiamo Messina dal Basso le dichiarazioni dell’assessore Massimo Minutoli sul restyling della piazzetta di Camaro San Paolo. Il membro della Giunta De Luca aveva dichiarato che il progetto (varato all’epoca dell’amministrazione Accorinti) era fermo da anni, ma Cmdb smentisce, presentando una diversa versione dei fatti.

Era prevista per ieri mattina la consegna dei lavori per la riqualificazione della piazza di Camaro San Paolo nell’ambito del progetto EcoSpazi Urbani. Nel commentare l’avvio dei lavori, l’assessore Massimo Minutoli aveva dichiarato: «Si trattava di un progetto fermo da diversi anni, che nel 2019 l’Amministrazione comunale ha sbloccato, dando inizio ai lavori dopo avere indetto le gare d’appalto».

Immediata la reazione di Cambiamo Messina dal Basso, movimento politico legato all’ex Giunta Accorinti, che ha ribattuto: «Contrariamente a quanto affermato dall’assessore Minutoli, che si accredita il merito di avere “sbloccato progetti fermi da anni”, nel giugno 2018, al momento dell’insediamento della giunta De Luca, tutti i progetti erano già finanziati e consegnati al dipartimento competente. Rimanevano da svolgere solo le procedure di gara».

«Questi progetti – incalza Cmdb –, è importante ricordarlo anche all’assessore Minutoli, sono il risultato di un confronto portato avanti nel tempo con i cittadini, le associazioni, i quartieri, gli ordini professionali: non, dunque, una semplice ristrutturazione ma un esperimento (riuscito) di progettazione partecipata insieme con la comunità».

Ma Cambiamo Messina dal Basso coglie anche l’occasione per chiedere all’Amministrazione De Luca a che punto sia la procedura riguardante il “Regolamento Comunale del Bilancio Partecipativo” n. 88. Questa procedura, specificano, prevedeva la possibilità per i cittadini di esprimere una preferenza su come spendere 80mila euro del bilancio destinato a progetti di interesse pubblico.

«Le proposte dei cittadini – spiega Cmdb – dovevano essere incluse in un “Documento sulla partecipazione”, che andava approvato dalla Giunta Comunale e successivamente inserito nel progetto del bilancio di previsione. A che punto siamo?».

(142)

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *