Giandomenico La Fauci, consigliere comunale di Ora Messina

La Fauci: «Scuole al freddo a Messina, la Mauro-Badiazza senza impianto di riscaldamento»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La scuola primaria “G. Mauro-Badiazza” di Messina priva di impianto di riscaldamento: a segnalarlo è il consigliere comunale Giandomenico La Fauci, che ha inviato un’interrogazione all’Amministrazione Basile per chiedere un intervento immediato. «Al ritorno dalle vacanze natalizie – commenta l’esponente di Ora Sicilia –, i giovani studenti hanno trovato l’amara sorpresa di dover svolgere le lezioni al freddo».

Ancora problemi con il riscaldamento nelle scuole messinesi. Con l’arrivo della stagione invernale, torna l’annosa questione che, nel corso degli anni, ha portato tanti studenti a protestare. A denunciare la «totale assenza di impianti di riscaldamento» è il consigliere comunale del centrodestra, Giandomenico La Fauci, che raccoglie le segnalazioni pervenutegli dai genitori.

«Nella mattinata di giovedì – spiega La Fauci – ho presentato un’interrogazione urgente su una gravissima carenza presente nelle scuole comunali di Messina. In particolare, alla primaria “G. Mauro-Badiazza”. A seguito di decine di segnalazioni, infatti, ho appurato la totale assenza di impianti di riscaldamento. Una condizione inaccettabile e che svela lo stato insufficiente dei plessi scolastici cittadini. L’arrivo dell’inverno, col conseguente calo delle temperature, non è stato accompagnato dagli interventi necessari per il ripristino degli impianti di riscaldamento. Così, al ritorno dalle vacanze natalizie, i giovani studenti hanno trovato l’amara sorpresa di dover svolgere le lezioni al freddo».

«Al Comune di Messina – prosegue La Fauci – resta l’onere della gestione dei plessi, per questo non è accettabile tale immobilismo. Ancora una volta, infatti, bisognerà intervenire in emergenza e mai in prevenzione. Ho accertato come decine di genitori abbiano segnalato tali condizioni con largo anticipo al Dirigente Scolastico che, però, nulla può compiere se non girare il tutto all’amministrazione. Monitorerò personalmente i passaggi per la risoluzione che mi auguro avvenga in tempi celeri e definitivi». Inoltrata l’interrogazione, non resta che attendere la replica dell’Amministrazione.

(134)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.