In Sicilia si rischia di tornare in zona gialla. Musumeci: «Rivedere i criteri per cambio colore»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Da un paio di settimane che si vocifera la Sicilia potrebbe tornare in zona gialla. Insieme alla nostra Isola, si parla anche di Sardegna, Veneto e Lazio. La variante Delta, infatti, arrivata in Italia, ha fatto scattare un nuovo allarme.

Il Governatore Musumeci però chiede di rivedere i parametri per un eventuale cambio di colore, che porterebbe la Sicilia da zona bianca a zona gialla. «È necessario – ha detto il presidente della Regione Siciliana – rivedere i parametri che fissano la definizione dei colori delle regioni: non possono più essere legati alla percentuale dei contagi, ma al tasso di ospedalizzazione».

La Sicilia rischia di tornare in zona gialla?

Secondo i dati parziali della banca internazionale Gisaid, nella quale vengono depositate le sequenze genetiche ottenute nei Paesi di tutto il mondo, la variante Delta in Italia è salita al 41,2%, contro il 40,7% della Alfa. Per questo alcune regioni, come la Sicilia, rischiano di tornare in zona gialla.

Sempre secondo i dati, in Sicilia ci sarebbero 32 nuovi casi settimanali, ogni 100mila abitanti. Se – secondo i parametri che abbiamo imparato a decifrare del Ministero della Salute e del Comitato Tecnico Scientifico –  si superano i 50 casi si passa in zona gialla. Scatta l’allarme con un combinato di contagi (Rt), superamento del 40% del tasso di occupazione delle aree mediche e del 30% quello delle terapie intensive.

«In Sicilia – continua Musumeci – attualmente, siamo la seconda regione italiana per contagi Covid ma abbiamo, in totale, solo 21 ricoverati in terapia intensiva e 130 nei reparti ordinari, su 5 milioni di abitanti. Gran parte dei ricoverati, peraltro, risulta non vaccinata. L’esperienza deve indurci a rivedere il sistema, a fare scelte di buon senso. Sarebbe assurdo andare verso nuove restrizioni e chiusure con gli attuali criteri, determinando un disastro che non sarebbe sanitario ma economico».

(258)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.