In piazza contro l’ordinanza sulla movida di Messina. Cmdb: «Danneggia chi rispetta le regole»

foto di persone che brindano in discoteca simboleggiante la movida notturna di messinaCambiamo Messina dal Basso si oppone all’ordinanza «proibizionista» sulla movida notturna e dà vita a un’“Agorà”, un momento di confronto e di scambio di idee. Obiettivo dell’incontro a piazza Municipaio, tra le altre cose, è ribadire il proprio secco “NO” a un’eventuale proroga del provvedimento oltre il 30 giugno.

Ma il movimento non sarà da solo ai piedi del Comune di Messina. All’incontro parteciperanno anche Articolo Uno Messina, il Partito Democratico – Circolo IV Circoscrizione, Messina, il Partito della Rifondazione Comunista – Circolo Peppino Impastato, che, insieme, chiamano a raccolta i cittadini e gli dà appuntamento martedì 30 giugno alle 18.30 a piazza Unione Europea (nel rispetto delle norme di distanziamento anti-coronavirus).

«L’essenza delle recenti ordinanze proibizioniste dell’amministrazione De Luca – scrivono gli organizzatori dell’incontro – si racchiude nell’idea che a pagare devono essere sempre i cittadini e le cittadine che rispettano le regole. Devono pagare le colpe di un’amministrazione che sembra essere in grado di fare la voce grossa solo con i più deboli, ma che poi, anziché intervenire su quei pochi, singoli episodi di irresponsabilità, reagisce chiudendo la città e impedendo la socialità, peraltro in una chiave del tutto diversa da quella del contenimento del Covid-19».

«A questa incapacità di governare i processi e di amministrare una città – proseguono –, risultata palese negli effetti di queste ordinanze che abbiamo combattuto sin da subito, vogliamo rispondere con un’agorà di condivisione. Una condivisione non solo di spunti e proposte per contrastare queste politiche inutili (se non controproducenti) per la limitazione della diffusione del Covid-19, ma anche e soprattutto di una visione diversa di città e delle politiche culturali, sociali ed aggregative da cui oggi dovremmo ripartire».

Infine, l’invito alla città: «Confrontiamoci insieme di persona, e intanto facciamo sentire la nostra voce fin da ora per evitare che l’ordinanza in scadenza il 30 giugno venga rinnovata».

(119)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *