In arrivo 80mila croceristi. Ecco come Messina li accoglierà

Piazzetta dell'acqua 2Delle potenzialità derivanti dal crocerismo , se n’è discusso innumerevoli volte. Peccato che si continui a non far seguire i fatti alle parole. Nei prossimi due mesi approderanno in porto quasi 80mila croceristi, Messina però continua ad essere una città sempre meno turistica. Lo testimoniano le inqualificabili mancanze con cui quotidianamente vengono accolti croceristi o semplici visitatori. Sul tema, questa mattina, si è riunita l’VIII Commissione Consiliare, in un confronto con gli assessori Perna e Cacciola e gli esperti comunali in materia di promozione turistica, Marco Bellantone e Filippo Grasso. L’organo, presieduto da Piero Adamo, ha presentato un eloquente dossier fotografico che evidenzia il degrado in cui si imbattono i turisti appena scesi dalle navi da crociera. C’è di tutto: muri imbrattati, spazi verdi mal curati e usati come discarica, segnaletica divelta. Situazione incresciosa a piazza Duomo, dove i  venditori ambulanti agiscono indisturbati. Vergognose le condizioni dell’Antiquarium comunale. L’area archeologica è infatti deturpata da vari materiali di risulta che si uniscono alle onnipresenti erbacce. Questo è quanto offre Messina, alla faccia della vocazione turistica tanto decantata.

La Commissione che si occupa di Cultura e Identità, lo scorso marzo aveva presentato una serie di proposte a costo zero per accogliere nel modo più decoroso possibile i tanti turisti che giungono quotidianamente in città. Suggerimenti che l’amministrazione comunale non ha mai preso in considerazione. “Nessun intervento è stato eseguito – spiega il consigliere Piero Adamo – occorreva solo buona volontà, visto che per attuare quanto da noi proposto non serviva attingere dalle casse comunali. Tutto è però rimasto lettera morta”. Antiquarium 3

L’VIII Commissione tuttavia, non demorde e aggiunge altre voci all’elenco di proposte indirizzato alla Giunta Accorinti per migliorare la ricettività turistica. Si parte dal rifacimento della segnaletica orizzontale in prossimità degli attraversamenti pedonali di alcuni tratti di via Garibaldi. Raggiungere il marciapiede opposto, una volta scesi dalla nave, appare spesso un’impresa, vista la scarsa educazione di tanti automobilisti messinesi. La Commissione chiede inoltre di rendere nuovamente operativi i totem informativi collocati nel centro storico e guasti da anni. Altro punto da sistemare riguarda le piazzette tematiche di via Garibaldi. L’VIII Commissione, riprendendo una vecchia proposta del IV Quartiere, chiede alla Giunta di modificare la delibera del 2011 che concede l’utilizzo degli eleganti spazi solo ai gestori delle attività commerciali poste nelle adiacenze. “Sarebbe opportuno – spiega Adamo – estendere la concessione delle piazzette anche per attività ludiche, culturali o sociali. In questo mondo si potrebbero sfruttare anche le due piazzette  non interessate da attività commerciali e attualmente inutilizzate”.

Da rivedere anche l’ufficio informazione turistiche. L’importante servizio è stato riattivato da alcuni giorni dopo il trasferimento dei locali dal Palacultura a palazzo Satellite. Location inadeguata secondo Adamo: “Sarebbe opportuno collocare l’importante ufficio in una zona strategica dal punto di vista turistico. A riguardo potrebbero essere utilizzati alcuni locali del Municipio”. Fontana Stazione 3

Analizzata la situazione, l’assessore alla Cultura Perna promette rapidi interventi: “La riunione di oggi è stata costruttiva, conosciamo le criticità e stiamo lavorando per risolverle. Le condizioni dell’Antiquarium sono una nota dolente, interverremo al più presto per renderlo più vivibile. Bisogna però comprendere che non tutti i problemi riscontrati dipendono dal mio assessorato”.

 

 

Andrea Castorina

(722)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *