imprendo me

ImprendoMe, a Messina lo sportello gratuito per chi fa o vuole fare impresa: come funziona

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Come si crea un’azienda, come si partecipa a un bando, come si attraggono investimenti per fare nascere o crescere la propria attività: queste le domande cui si propone di rispondere Imprendo.me, lo sportello gratuito (online e non) dedicato a chi fa o vuole fare impresa a Messina. Un’iniziativa nata dall’incontro tra l’Università e la Città Metropolitana con l’obiettivo di sostenere l’economia cittadina.

Finanziato con risorse del Masterplan e sviluppato dal Consorzio “Centro per lo Sviluppo del Turismo Culturale per la Sicilia – Messina Tourism Bureau”, il progetto Imprendo.me è uno strumento a disposizione di professionisti e imprese, nato per aiutarli a barcamenarsi tra finanziamenti, pratiche burocratiche, business plan, e così via. Al suo interno lavora un team qualificato che fornirà consulenze gratuite alle piccole e medie imprese, ma anche a chi un’attività la sta ancora avviando. È indirizzato in particolare, ma non solo, ai giovani e alle donne, e mira a mettere a sistema una rete di soggetti istituzionali, associazioni di categoria e associazioni giovanili al fine di creare una rete diffusa di supporto ed orientamento per chi vuole fare impresa.

Il portale Imprendo.me è già attivo, ed è possibile già da ora richiedere una consulenza. Il progetto è stato presentato ieri, nella Sala Boris Giuliano della Città Metropolitana di Messina dal sindaco metropolitano Federico Basile, dall’assessore ai finanziamento extrabilancio Carlotta Previti e dal presidente del Consorzio, l’avvocato Gaetano Maiolino.

Come ha spiegato il Primo Cittadino, Imprendo.me si propone come «un riferimento per i futuri imprenditori del territorio che vogliono confrontare e valutare le idee di business, attraverso anche interventi finalizzati a favorire l’imprenditoria giovanile e l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani del territorio. Il mercato del lavoro è in continua evoluzione: occorre rilanciare un nuovo modo di intendere il mondo dell’imprenditoria e per tali motivi Imprendo.me si strutturerà come un incubatore e acceleratore d’impresa».

«Il progetto – ha spiegato l’assessore Previti – ha come soggetto attuatore il Messina Tourism Bureau, soggetto partecipato dalla Città Metropolitana, e agirà come come uno sportello di orientamento per sostenere le competenze e la creatività di giovani e donne che vogliono avviare nuove attività. Il servizio offre consulenze a chi vuole avviare un’attività autonoma o d’impresa, orientarsi nel mondo del lavoro, conoscere agevolazioni e forme di finanziamento per imprese attraverso il supporto di specialisti del settore, capitalizzando i finanziamenti della futura programmazione 2021-2027 e specifici programmi operativi regionali nazionali ed europei».

A concludere la presentazione, il presidente del Messina Tourism Bureau, Gaetano Maiolino: «Abbiamo selezionato un team di professionisti particolarmente qualificati perché vogliamo offrire alla nostra comunità un servizio di informazione, sensibilizzazione e supporto che vada a beneficio dei giovani che intendono cogliere la sfida di intraprendere nuove iniziative imprenditoriali sui temi dello sviluppo sostenibile e della valorizzazione delle risorse territoriali locali. Ma intendiamo anche porci al servizio del sistema produttivo e delle piccole e medie imprese impegnate nelle transizioni digitale e ecologica, nell’innovazione e nell’internazionalizzazione. Imprendo.me – ha concluso – ha sede presso la Città Metropolitana, ma si avvia ad essere anche un Centro capace di sostenere l’intero territorio metropolitano; per questo ci siamo già attivati per sviluppare collaborazioni anche con le varie amministrazioni comunali».

È possibile accedere al portale Imprendo Me a questo link, scoprire i servizi che offre, gratuitamente, e – perché no – prenotare una consulenza.

(327)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.