consiglieri comunali del movimento 5 stelle di messina

Il M5S esprime solidarietà a Claudio Cardile: «De Luca ha oltrepassato ogni limite»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle esprime solidarietà nei confronti del presidente del Consiglio Comunale, Claudio Cardile, a seguito delle parole rivoltegli in diretta Facebook dal sindaco di Messina, Cateno De Luca. «Da tre anni assistiamo a un continuo e degradante “spettacolo” – scrivono in una nota –, ma si è oltrepassato ogni limite. Denigrare una persona per il proprio aspetto fisico mortifica e offende migliaia di cittadini».

Cos’è successo? Ieri il presidente del Consiglio Comunale, Claudio Cardile, ha comunicato di aver dato mandato ai propri legali di denunciare il Sindaco di Messina a causa delle parole offensive usate nei suoi confronti nel corso di una diretta Facebook. Ad intervenire sulla questione, oggi, dopo i numerosi messaggi di solidarietà giunti al rappresentante del Civico Consesso, i colleghi del Movimento 5 Stelle di Messina Andrea Argento, Cristina Cannistrà, Giuseppe Fusco e Paolo Mangano.

«Esprimiamo la nostra solidarietà al presidente del Consiglio Claudio Cardile – scrivono in una nota –, insultato su Facebook dal sindaco Cateno De Luca, che ancora una volta, qualora servisse un’ulteriore conferma, si qualifica per quel che è. Un episodio reso ancora più grave dalle dichiarazioni odierne del Primo Cittadino, che invece di chiedere scusa ha ulteriormente rincarato la dose, accusando “velatamente” Cardile di bullismo e misoginia: una strumentalizzazione che si commenta da sé»

«In questi tre anni – aggiungono – abbiamo assistito a un continuo e degradante “spettacolo”, incentrato sulla demonizzazione costante del nemico di turno. Insulti, insinuazioni, intimidazioni, atteggiamenti discriminatori: un repertorio che non offende solo gli avversari politici di turno da dare in pasto ai propri seguaci, ma la città intera. Adesso però si è oltrepassato ogni limite».

«Denigrare una persona per il proprio aspetto fisico mortifica e offende migliaia di cittadini – proseguono i consiglieri del M5S. Comprendiamo (ma non giustifichiamo) l’esigenza del sindaco di recuperare il consenso perduto alzando sempre più l’asticella dello scontro, ma non possiamo in alcun modo accettare che il confronto dialettico sfoci nelle offese personali e nel body shaming».

«Ricordiamo infine – concludono i pentastellati –, come ha già fatto il presidente di Arcigay Rosario Duca, che di recente l’Amministrazione ha da poco riconfermato l’adesione alla rete Re.A.Dy, nata per prevenire, contrastare e superare tutte le discriminazioni basate su orientamento sessuale, identità di genere, sesso, disabilità, origine etnica, orientamento religioso ed età. Ci auguriamo che esternazioni inqualificabili come quelle del Sindaco non comportino la cancellazione dalla rete, con relativo danno di immagine per la città intera».

 

(225)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.