Ex Sea Flight. La Città metropolitana di Messina avvia riqualificazione e messa in sicurezza dell’area

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il Commissario straordinario della Città metropolitana, ing. Leonardo Santoro, accompagnato dalla Vice dott.ssa Mirella Vinci, ieri mattina ha preso in consegna dal Demanio Marittimo l’area di Capo Peloro in cui insistono i ruderi del cantiere navale “Sea Flight”.

La Città Metropolitana quale Ente gestore della limitrofa Riserva Naturale Orientata, facendo seguito agli accordi intercorsi con il Dipartimento Regionale dell’Ambiente, si farà carico della demolizione dei corpi di fabbrica presenti su sito demaniale e della messa in sicurezza dell’area.

L’obiettivo generale che l‘Amministrazione intende raggiungere è quello di riqualificare, liberando l’area dagli insediamenti di costruzioni divenute fatiscenti insistenti sull’area adibita alla Ex Sea Flight di Messina e dunque reintegrare con il tessuto urbano le aree fortemente degradate. Gli interventi saranno pertanto mirati alla dismissione e abbattimento delle strutture esistenti andando ad investigare anche i potenziali fenomeni di inquinamento della matrice terreno, la risoluzione e la successiva e definitiva restituzione agli usi ritenuti idonei dall’amministrazione.

Dopo gli interventi di riqualificazione l’area dell’ Ex Sea Flight verrà restituita al Demanio marittimo che la trasferirà al Comune di Messina perché venga definitivamente destinata alla fruizione pubblica un sito di straordinaria bellezza. Il costo complessivo dell’intervento ammonta ad Euro 193.600,00.

Alla cerimonia hanno preso parte il Dirigente dott. Salvo Puccio, il comandante della Polizia metropolitana Daniele Lo Presti, il RUP ing. Carmelo Battaglia e la progettista Geom. Claudia De Benedictis.

(102)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.