lucia azzolina, libro, autobiografia

L’ex ministro all’Istruzione Lucia Azzolina presenta la sua autobiografia a Messina

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Doppio incontro con l’autore in calendario alla Feltrinelli Point di Messina. Venerdì 3 dicembre 2021, alle ore 18:00 nella sede di via Ghibellina n. 32, l’ex ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina sarà protagonista, insieme alla giornalista messinese Simona Moraci, autrice del romanzo “Ducente giorni di tempesta”, dell’ultimo libro sulla scuola uscito quest’anno.

La vita insegna. Dalla Sicilia al Ministero: il viaggio di una donna che alla scuola deve tutto” è l’autobiografia, edita da Baldini+Castoldi, della parlamentare del Movimento 5 Stelle, Lucia Azzolina, sul suo rapporto con la scuola, dall’infanzia in Sicilia alla titolarità del dicastero durante il governo Conte II.

Questa la descrizione dell’opera: «Donna, giovane, siciliana e col rossetto rosso. Sincera, fino a risultare scomoda in una politica che preferisce di gran lunga i silenzi. Lucia Azzolina racconta il viaggio che la porta dalla provincia di Siracusa fino al ministero di viale Trastevere, sempre zaino in spalla. È la scuola a tenere uniti i suoi due mondi: la precaria, poi passata di ruolo, con due lauree che attraversa l’Italia per andare a insegnare e la ministra che governa la scuola nel primo anno dell’emergenza».

Il tema della scuola riaffiora anche nell’ultima produzione letteraria della giornalista e insegnante messinese Simona Moraci. Il libro si intitola “Duecento giorni di tempesta” (Marlin Editore) ed è un romanzo (il terzo di Moraci) che mostra la fragilità di chi vive in realtà difficili, ma grazie alla determinazione dei professori riesce a sfuggire al degrado.

Di seguito la trama: «Il cuore in tempesta di una prof. appassionata. Anzi, “Duecento giorni di tempesta” scolastica, amorosa, esistenziale, tra violenza e possibile riscatto. In primo piano la storia della giovane insegnante Sonia, catapultata in un quartiere a rischio di una città di mare siciliana in mano alla criminalità. Una “terra straniera” ma anche una sfida per Sonia, in fuga dal passato. La scuola è fatta da classi “esplosive”, così chiamate dai professori per il livello disturbato e disfunzionale dei comportamenti degli alunni. Da qui una narrazione incalzante che lascia spazio alla capacità da parte dei docenti di entrare in relazione con i ragazzi e anche a un complicato triangolo amoroso che coinvolge la protagonista con due suoi colleghi: Stefano e Andrea».

Gli incontri avverranno in collaborazione con l’associazione culturale Apollo Spazio Arte di Loredana Polizzi e il residence Cine-Apollo di Messina. L’ingresso è libero con obbligo di green pass e di prenotazione, che si può effettuare via mail all’indirizzo ufficiostampa@marlineditore.it. L’evento si potrà seguire anche in diretta streaming sulla pagina Facebook di Feltrinelli Point Messina.

 

(167)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.