Emergenza a Vulcano, zona rossa fino alla vigilia di Natale: prorogata l’ordinanza

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Vigilia di Natale in zona rossa per gli abitanti di Vulcano, nelle Isole Eolie, alle prese con le emissioni di gas tossici che ormai da un mese fuoriescono dal cratere e che hanno fatto scattare l’emergenza.

Il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, ha prorogato l’ordinanza in vigore da novembre scorso con la quale è stato vietato il pernottamento dalle 23:00 alle 06:00 nelle abitazioni ricadenti nella zona rossa. Ordinanza che sarebbe dovuta scadere il 22 dicembre scorso. I tecnici di INGV, Ispra e Arpa devono completare ancora delle verifiche a campione in una decina di case, con l’ausilio di nuove strumentazioni che nel frattempo sono state inviate sull’Isola.

Zona rossa a Vulcano, per l’INGV l’emergenza non è ancora finita

Una volta terminate le ultime verifiche, il Sindaco potrà decidere se mantenere l’interdizione oppure se permettere il rientro dei residenti, ma dall’Ingv Catania avvertono: «Si può ancora registrare un ulteriore aumento del degassamento fumarolico e diffuso e anche incrementi della temperatura dei gas e dei loro flussi, con variazioni della falda termale; incremento della sismicità legata alla attività idrotermale e comparsa di sismicità vulcano-tettonica; incremento delle deformazioni. Possono altresì avvenire in maniera improvvisa fenomeni esplosivi impulsivi quali esplosioni freatiche».

«Si rimarca in particolare – si legge in uno degli ultimi bollettini dei vulcanologi – il perdurare della pericolosità legata alla diffusione di Co2 dai suoli ed al conseguente accumulo in prossimità delle zone di emissione a mare, in zone sottovento, topograficamente ribassate, e soprattutto in luoghi chiusi. Il raggiungimento di tali livelli appare dipendente dall’intensità delle esalazioni dal suolo e dalle condizioni meteorologiche, entrambe fortemente variabili nello spazio e nel tempo, rendendo così estremamente difficile la prevedibilità di condizioni localmente pericolose».

«I gas vulcanici – scrivono – continuano quindi a rappresentare un pericolo per la popolazione residente nell’abitato di Vulcano Porto».

Sull’emergenza, che dal novembre scorso ha coinvolto un centinaio di famiglie, è intervenuto anche l’ex sindaco di Lipari, Mariano Bruno, alla guida del capoluogo dell’arcipelago eoliano dal 2001 al 2012.

«Ci saremmo attesi – ha dichiarato Bruno ai microfoni di Normanno.com – che la Protezione civile e la comunità scientifica a vari livelli avesse incontrato la popolazione riunendola per una sessione di informazione e condivisione come è successo a Stromboli. Io non posso che comprendere quindi le motivazione del Sindaco Giorgianni ma i veri addetti ai lavori dovrebbero condividere con la popolazione».

(145)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.