franco de domenico

Elezioni Messina, De Domenico visita il centro Helen Keller: «Motivo di grande orgoglio»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il candidato sindaco del centrosinistra Franco De Domenico si è recato, nella giornata di ieri, giovedì 26 aprile, al centro Helen Keller, la scuola cani guida per ciechi situata in località Tremonti, nella zona nord di Messina.

De Domenico ha incontrato il vicepresidente della struttura, Santino Di Gregorio e il direttore del centro, Fabrizio Zingale, e a margine della visita è stato ribadito il bisogno di ricollocare la struttura, magari negli spazi dell’ex “Città del ragazzo”, diventando più centrale e fruibile per gli assistiti.

Di Gregorio ha voluto ricordare come non sia mai mancato il sostegno alla realtà messinese da parte di De Domenico, anche da parlamentare regionale, «dimostrando – ha dichiarato il Presidente della sezione territoriale di Enna dell’Uici – una grande sensibilità e attenzione verso noi portatori di un’istanza molto delicata. La sua presenza non è mai stata sollecitata e questo è indice di affidabilità».

«L’Helen Keller – ha aggiunto Di Gregorio – ha rapporti aperti con il Comune di Messina, che condivide con altri enti istituzionali il sostegno a uno dei centri più importanti non solo della Sicilia ma d’Italia per l’addestramento di cani guida. In itinere, al Comune, ci sono dei procedimenti amministrativi per l’assegnazione dei locali in centro, che potrebbero essere gli spazi dell’ex “Città del ragazzo”. Uno spostamento, infatti, sarebbe fondamentale viste le difficoltà logistiche per raggiungere l’attuale sede a Tremonti e dato che gli operatori svolgono gran parte del loro lavoro in città».

«È motivo di grande orgoglio ospitare a Messina una realtà così importante a livello non solo locale, ma nazionale – ha detto Franco De Domenico – pertanto dobbiamo fare di tutto affinché il centro possa continuare a operare nel miglior modo possibile e essere sostenuto attivamente nel suo delicato impegno sociale».

L’Helen Keller è un centro regionale e polo nazionale per l’Autonomia, creato grazie all’impegno dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e con legge regionale del 30 aprile 2001.

(59)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.