scuola, aula

Educazione finanziaria: il racconto illustrato del Gruppo Fire che si rivolge ai bambini

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Si intitola “Il Gomitolo di Solevento. Storia di una famiglia che si ingarbugliò con i soldi” ed è un racconto illustrato creato dal Gruppo Fire che parla di educazione finanziaria a bambini, ragazzi e adulti e che sarà distribuito nelle scuole dal prossimo settembre 2024. Ma di cosa si tratta nel dettaglio?

In occasione della pubblicazione del Bilancio di Responsabilità 2023, il Gruppo Fire, 1° player indipendente in Italia nella gestione del credito, ha lanciato “Fireducation”, progetto di educazione finanziaria, con particolare focus sul disagio debitorio.

Per celebrare la 18ª edizione del proprio report ESG, e per marcare l’avvio di un progetto più ampio che vedrà l’azienda incrementare i canali e i contenuti dedicati a consumatori e imprese in difficoltà di pagamento, il Gruppo ha deciso di arricchire il bilancio con un’iniziativa dalla valenza educativa: tra le pagine che illustrano le performance ESG, infatti, è stato inserito un racconto illustrato dal titolo “Il Gomitolo di Solevento. Storia di una famiglia che si ingarbugliò con i soldi”, che parla di debito a bambini, ragazzi e adulti.

Il racconto, che diventerà un progetto editoriale a sé stante, arriverà anche nelle scuole a partire da settembre 2024, nella forma di un albo illustrato completo di glossario dei termini finanziari più importanti, accompagnato da kit didattici a supporto di insegnanti e genitori.

«Uno degli obiettivi del Gruppo, che integra la sostenibilità nei piani strategici di business, è mitigare le ragioni che portano individui, famiglie e imprese al disagio debitorio, anche tramite l’educazione – commenta Antonio Bommarito, Head of Sales, Business Development & Sustainability Gruppo Fire, aggiungendo – L’Italia ha un gap significativo rispetto ad altri paesi europei in tema di educazione finanziaria e parlare di debito è ancora considerato un tabù. In questo contesto, il Decreto-legge “Capitali”, che rende l’educazione finanziaria un insegnamento obbligatorio nelle scuole, è già un primo grande passo. Fra i concetti legati al denaro, il debito e il disagio debitorio che ne può conseguire sono ancora trascurati e spesso considerati argomenti scomodi, connessi a uno stigma sociale difficile da decostruire. Tuttavia, comprendere il concetto di debito è essenziale per prevenire comportamenti finanziari rischiosi in età adulta. Questo progetto rappresenta per noi un modo per restituire valore alla società in cui operiamo, contribuendo a formare persone più consapevoli, in grado di gestire al meglio le proprie risorse economiche ed eventuali momenti di difficoltà».

(66)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.