Deblattizzazione, derattizzazione e scerbatura: De Luca fa il punto sulla pulizia a Messina

Deblattizzazione, derattizzazione e scerbatura: ieri il sindaco Cateno De Luca è andato con gli operatori e il presidente di MessinaServizi Bene Comune in giro per la città per illustrare cosa si è fatto e cosa si sta facendo per rendere più pulite le strade messinesi. Circa 12mila i tombini in cui procedere con la disinfestazione, 1.200 le trappole per topi posizionate e geolocalizzate.

Secondo quanto dichiarato ieri sera dal primo cittadino, a Messina la deblattizzazione negli anni scorsi (che comprenderebbero anche i due di mandato appena trascorsi) sarebbe stata fatta in maniera inadeguata, semplicemente “buttando qua e là un po’ di materiale, come se fosse cipria”. Da adesso, però, la musica cambia, dice, e di interverrà come di deve.

«Si era alla ricerca del metodo per cercare di arginare il problema delle blatte a Messina – dichiara Cateno De Luca all’inizio del video. Dal confronto/scontro che ho avuto con i miei uffici si è scoperto che il servizio di deblattizzazione finora non è stato svolto per come si deve. La deblattizzazione va fatta aprendo i tombini e spruzzando il medicinale all’interno. Questo servizio non è mai stato fatto a Messina, si intendeva per deblattizzazione buttare così un po’ di materiale, tipo cipria».

Nelle scorse settimane, tra l’altro, spiega il Sindaco, MessinaServizi Bene Comune ha posizionato 1.500 trappole per topi, mentre altre 1.000 verranno sistemate nei prossimi giorni. Le trappole sono georeferenziate, mappate, in modo da avere un quadro di quante e dove si trovano.

E sempre in tema di pulizia, altra nota dolente sembrerebbe quella della scerbatura, per la quale, secondo quanto riportato dal Sindaco, a Messina si sarebbero spesi circa 100mila euro l’anno, a fronte dei 4 milioni di euro che sarebbero necessari per ottenere un buon risultato. «Per questo stiamo modificando il contratto di servizio, che andrà in consiglio comunale – ha aggiunto. Abbiamo individuato le risorse per fare diventare stabile anche questa pulizia».

Nel frattempo, MessinaServizi Bene Comune porta avanti la raccolta differenziata che dal 27 luglio raggiungerà nuove zone della città dello Stretto. I kit per il porta a porta sono in distribuzione a partire da oggi, mercoledì 15 luglio, per chi non li ha già ricevuti, presso le sedi della III e della IV Municipalità (ex Circoscrizione). «La testa la dobbiamo cambiare tutti, però – ha concluso De Luca. Stiamo completando la distribuzione dei kit per la raccolta differenziata, si completerà a settembre. L’obiettivo è arrivare entro l’anno a chiudere anche questa partita».

(Foto di repertorio)

(866)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *