Da Piazza Antonello alla Passeggiata a Mare: il corteo di Fridays For Future Messina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Da Piazza Antonello alla Passeggiata a Mare; cambia il percorso dei ragazzi di Fridays For Future Messina che il prossimo 23 settembre saranno di nuovo in corteo per lo sciopero globale per il clima. «Riteniamo fondamentale il luogo in cui ci fermeremo alla fine del corteo: la Passeggiata a Mare. Lo percepiamo – scrivono i ragazzi di Fridays For Future – come un luogo storicamente simbolico e di incontro per innumerevoli cittadini; soprattutto durante il periodo pandemico, tantissime persone lo hanno riscoperto per fare attività insieme all’aria aperta. Vorremmo sensibilizzare riguardo la bonifica dei ruderi e la riconsegna degli spazi ai cittadini, anche attraverso una riqualifica della zona pedonale della Passeggiata, ormai lasciata all’incuria e il degrado del tempo.

Inoltre, crediamo sia un momento storico particolarmente importante: a pochi giorni dalle elezioni politiche e regionali, ci ritroviamo di fronte la scelta di nuovi governi che svolgeranno il loro lavoro durante gli ultimi anni segnati dall’orologio del clima, prima del punto di non ritorno ai cambiamenti climatici e di superamento dei 1,5 °C della temperatura globale. Ciò che ci chiediamo genuinamente è: saremo pronti a mettercela tutta per salvare la pelle della nostra specie da ciò che il sistema capitalistico occidentale ha innescato, impattando pericolosamente sugli equilibri terrestri che mantengono vive noi e tutte le altre specie animali e vegetali sul pianeta? La domanda rimane aperta, il futuro incerto, la voglia di provare a cambiare rotta con l’aiuto di tutte e tutti, l’unica speranza». L’appuntamento con il corteo di Fridays For Future Messina è per venerdì 23 settembre, dalle 09:00, a Piazza Antonello.

Fridays For Future: cos’è l’orologio del clima

L’orologio del clima mostra la velocità con la quale il pianeta si sta avvicinando all’aumento dell’ 1,5 °C del riscaldamento globale, la quantità di CO₂ già emessa e il riscaldamento globale sino ad oggi. Installato per la prima nel 2020 a New York, l’orologio climatico si trova anche a Roma, nella sede del Ministero della Transizione Ecologica inaugurato nel 2021; tra i messaggi che passano anche quello dell’analista ambientale e fondatore del Worldwatch Institute, Lester R. Brown: “Non abbiamo più tempo per essere pessimisti”.

(131)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.