premio magister peloritanus 2022

Da Ninni Bruschetta a Catena Fiorello: chi sono i messinesi e siciliani premiati al “Magister Peloritanus 2022”

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Sono sei le eccellenze messinesi e siciliane premiate dall’Accademia Peloritana dei Pericolanti durante una cerimonia che si è svolta nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina in occasione del “Magister Peloritanus 2022”. Tra di loro l’attore e regista Ninni Bruschetta e la prof. Laura Giuliano. L’elenco completo e delle mini-biografie.

Cerimonia di premiazione ieri, lunedì 13 dicembre, nell’Aula Magna del Rettorato. A ricevere il riconoscimento sono stati sei tra messinesi e siciliani: Ninni Bruschetta, Catena Fiorello, Pietro Gaeta, Laura Giuliano, Alessandro Repici, Francesco Spinelli. Si tratta di personalità di spicco che hanno raggiunto risultati in vari ambiti, dall’arte alla medicina, passando per la giurisprudenze. Scopriamo qualcosa in più su di loro.

  • Ninni Bruschetta – il regista, attore e sceneggiatore messinese è stato premiato nella categoria Teatro, Cinema e Televisione. Artista poliedrico, è recentemente tornato sul piccolo schermo con la quarta stagione di Boris, ha lavorato con registi di rilievo con Paolo Sorrentino, Marco Tullio Giordana, Woody Allen. Famose le sue interpretazioni radiofoniche e nel settore degli audiolibri. Numerosi i premi e i riconoscimenti che gli sono stati assegnati nel tempo;
  • Catena Fiorello – la scrittrice, autrice e conduttrice televisiva catanese (collegata da remoto) è stata premiata per la categoria Lettere, Filosofia e Belle Arti. I suoi romanzi, strettamente legati alla Sicilia, hanno spesso scalato le vette delle classifiche di libri più venduti in Italia. Si avvale di un linguaggio saldamente legato al dialetto inteso come indispensabile strumento di comunicazione. Usa l’ironia e il suo talento autoriale per trattare temi quali quello dell’infanzia, i rapporti familiari, l’amore, l’amicizia, il mondo femminile siciliano.
  • Pietro Gaeta – premiato per la categoria Scienze Giuridiche, Economiche e Politiche. A pochi mesi dalla laurea in Giurisprudenza all’Università di Messina ha superato il concorso per Uditore Giudiziario e iniziato così una brillante carriera che lo ha portato dapprima in Calabria, poi alla Procura Generale della Corte di Cassazione, dove dal 2019 è Avvocato Generale. Assistente di studio per diversi anni di giudici e presidenti della Corte Costituzionale (G. M. Flick, F. Gallo, F. Modugno), ha insegnato in varie Università italiane (Messina, Reggio Calabria, Roma), ha fatto parte di commissioni ministeriali, ha tenuto un numero ragguardevole di relazioni a convegni, alcuni dei quali organizzati dalla Scuola Superiore della Magistratura, ha al suo attivo una serie consistente di pubblicazioni.
  • Laura Giuliano – per la categoria Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali. Si è laureata in Biologia Marina a Messina per poi avviare un’attività intensa che l’ha portata a lavorare in diversi centri scientifici. È poi approdata al CNR (Centro Nazionale di Ricerca), dove ha ottenuto il ruolo di Direttore di Istituto, prima di essere nominata Direttore scientifico del CIESM, commissione intergovernativa che unisce paesi del Mediterraneo e dell’entroterra europeo, del Mare del Nord e del Mar Nero. È componente del Board di importanti organismi internazionali.
  • Alessandro Repici – per la categoria Scienze Medico-Biologiche. Ha studiato all’Università di Messina per poi perfezionarsi in giro per il mondo, dal nord Italia (Torino), passando per Parigi, Amburgo, Toronto. È poi approdato alla Gastroenterologia dell’Humanitas University di Milano, dove è professore ordinario. È membro esperto dell’Istituto Nazionale di Salute del Governo italiano. Ha lavorato in diverse città europee, asiatiche e americane. La sua produzione scientifica ha generato 18.000 citazioni nella letteratura internazionale.
  • Francesco Spinelli – premiato per la categoria Chirurgia Vascolare. Si è laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Messina, per poi proseguire gli studi in chirurgia generale a Roma e, successivamente in chirurgia vascolare in scuole francesi. Ha eseguito oltre 20.000 interventi con tecniche innovative e non di rado personali. È intervenuto in congressi internazionali e scritto sulle maggiori riviste scientifiche di settore. Già professore ordinario all’Università di Messina, oggi lavora al Policlinico dell’Università Campus Biomedico. Ha comunque mantenuto un rapporto costante con l’Ateneo Peloritano e l’area dello Stretto.

Al termine della premiazione, il Rettore dell’Università di Messina, il prof. Salvatore Cuzzocrea, ha proposto per l’edizione 2023 del premio “Magister Peloritanus” un riconoscimento alla carriera al «professore Gaetano Silvestri come primo premiato quale miglior presidente della Corte Costituzionale che il nostro Paese abbia mai avuto».

(504)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.