«Criticità mai risolte nel torrente Bisconte-Catarratti». Scuderi e Carreri “fotografano” la situazione


torrente Bisconte-Catarratti2torrente Bisconte -Catarratti 3«Si continua a parlare di interventi, di programmazione, di finanziamenti ma alle parole spesso non seguono i fatti!», è questo l’amaro commento del consigliere della III circoscrizione, Nino Scuderi, che, insieme al consigliere comunale Nino Carreri, in merito alle condizioni in cui versa il torrente Catarratti-Bisconte, invita l’amministrazione Accorinti  «a “fare” piuttosto che  “annunciare”». 

«I cittadini di Bisconte e Catarratti — scrivono i due consiglieri — hanno ben compreso che la torrente bisconte-catarratti“rivoluzione culturale” di cui si fa continuamente portavoce il Sindaco Accorinti è di là da venire; un percorso molto lungo e irto di ostacoli che difficilmente potranno essere rimossi se alle parole non seguiranno i fatti».  

Scuderi e Carreri  evidenziano, in una nota inviata al Sindaco e all’Assessore alla Protezione civile, la grave situazione igienico-sanitaria dei due villaggi, nel tentativo di  lanciare l’ennesimo allarme «su una situazione — precisano — che è diventata esplosiva ed è giunta veramente al limite».

Continuare a ignorare il problema — evidenziano — si mette a serio rischio la sicurezza delle famiglie che risiedono in quell’area: «Alla fine dello scorso agosto — proseguono — l’assessore Filippo Cucinotta, delegato alla Protezione Civile, sulla delicatissima questione dei torrenti cittadini, affermava che si stavano  verificando le risorse economiche del Comune, purtroppo esigue, e insieme alla dirigenza e agli uffici competenti si stava per stilare un piano di interventi prioritari».  

Ad un anno di distanza, Scuderi e Carreri lamentano l’assoluta mancanza di qualsiasi tipo di intervento volto a mettere in sicurezza il torrente, «nessuna operazione di profilatura dell’alveo ne tantomeno di pulizia».    Il letto del torrente è diventato una foresta tropicale con cime di

Arbusti che superano il livello dei muri di contenimento, forte presenza di roditori, blatte, serpenti, insetti e animali di ogni tipo, caratterizzano, invece, il letto del torrente, gettando sconforto tra i cittadini.   

«È trascorso un inverno e fortunatamente non abbiamo avuto a che fare con piogge torrenziali importanti che avrebbero potuto mettere in ginocchio i due villaggi — concludono —, ma non si può continuare a sperare nella sorte».  

E proprio per evitare che il peggio possa accadere, sottolineano la necessità di intervenire: «Non è più tollerabile una programmazione di interventi che non tenga conto del più importante torrente ancora scoperto che taglia longitudinalmente il cuore della città».                                

(85)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *