Sicilia “a basso rischio covid”: nella mappa dell’Europa è arancione (chiaro)

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Si tinge di arancione la Sicilia nella mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il contagio delle malattie (Ecdc); colore che in questo contesto indica le aree a minor rischio covid. In Italia le fanno compagnia Sardegna e Val D’Aosta, mentre l’Umbria e le province autonome di Trento e di Bolzano sono rosse. Vediamo com’è cambiata la mappa dei territori dell’Unione Europea nelle ultime due settimane.

Ogni due settimane, il Centro europeo per la prevenzione e il contagio delle malattie (Ecdc) fa il punto della situazione sull’andamento del coronavirus tra gli stati dell’UE. Nella mappa disegnata dall’Ecdc e aggiornata al 25 febbraio 2021 l’Italia è quasi tutta rossa, tranne l’Umbria e le province autonome di Trento e di Bolzano che, invece, si collocano in una fascia di rischio superiore, e sono quindi rosse scuro.

La Sicilia, che sulla base dei dati del 28 gennaio 2021, era rossa, oggi è arancione. Cosa significa? L’arancione indica le aree in cui il numero di casi notificati ogni 100mila abitanti è inferiore a 50, ma il tasso di positività è pari o superiore al 4%; oppure quelle regioni in cui il numero di casi notificati ogni 100mila abitanti è tra i 25 e i 150, ma la percentuale dei tamponi risultati positivi al coronavirus sul totale di quelli eseguiti (appunto, il tasso di positività) è sotto il 4%. Nella mappa del 28 gennaio 2021 (in quel periodo la regione era in zona rossa), la Sicilia era invece rossa.

Qui il report completo.

La mappa sul Covid nell’UE del 25 febbraio 2021: la Sicilia è arancione

La mappa sul Covid nell’UE del 25 febbraio 2021: la Sicilia è rossa

 

(508)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.