Covid, Musumeci: «Calo dei contagi in Sicilia, se continua torneremo in zona arancione»

nello musumeci, presidente della regione sicilianaSi dichiara fiducioso il presidente della Regione, Nello Musumeci, il quale prospetta e si auspica la revoca della zona rossa per la Sicilia, che nei prossimi giorni potrebbe diventare arancione. A rassicurare il Governatore, i dati degli ultimi giorni che segnalano una diminuzione dei nuovi casi giornalieri.

Nella giornata di ieri, lunedì 25 gennaio 2021, il presidente della Regione Siciliana è intervenuto alla trasmissione di Rai1 “Oggi è un altro giorno” per parlare di coronavirus e vaccini. Interpellato sull’andamento dell’epidemia in Sicilia, Nello Musumeci ha sottolineato che i dati iniziano ad essere incoraggianti e che per la prossima settimana la regione potrebbe «tornare a respirare in zona arancione».

«La zona rossa non è stata un capriccio – ha affermato Nello Musumeci –, ma una necessità: eravamo arrivati a 1.970 contagiati e a oltre 40 morti al giorno. Non potevamo restare a guardare. Siamo all’ultima settimana di zona rossa e per fortuna i dati cominciano ad essere incoraggianti, anche se il numero delle vittime rimane ancora alto. Sono fiducioso: se il calo dovesse essere costante potremmo anche revocare la zona rossa e tornare a respirare nella zona arancione». L’ordinanza con cui il Ministro della Salute ha dichiarato la regione zona rossa scadrà il 31 gennaio 2021.

A confermare quanto detto dal Presidente della Regione Siciliana, i dati elaborati dall’Ufficio Statistica del Comune di Palermo, secondo cui emergono i primi segnali di un rallentamento dell’epidemia covid-19 in Sicilia. I nuovi positivi sono diminuiti rispetto alla settimana precedente, mentre sono cresciuti meno i ricoverati e i deceduti. Ad aumentare ancora, però, gli ingressi in terapia intensiva.

Nel corso della trasmissione, si è trattato però anche il tema dei controlli sul territorio: «Ho incontrato i Prefetti dell’Isola – ha spiegato Nello Musumeci – per esortarli a maggiori controlli sul territorio, e mi è stato assicurato che saranno impiegate ulteriori risorse». Nei giorni scorsi, infatti, il Presidente della Regione Siciliana aveva mostrato apprensione per una «eccessiva mobilità, soprattutto nelle tre aree metropolitane».

(678)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *