nello musumeci, presidente della regione siciliana

Covid, in Sicilia altri 5 comuni in “zona arancione” (due nel messinese)

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Aumentano i contagi da covid-19 in Sicilia e altri cinque comuni passano in “zona arancione” a partire da domani, sabato 18, e fino al 27 dicembre. Si tratta di Terme Vigliatore e Scaletta Zanclea (il provincia di Messina), Castrofilippo (in provincia di Agrigento), Marianopoli (Caltanissetta) e Motta Sant’Anastasia (Catania). Analoghe restrizioni sono già in vigore in altri tre comuni.

I dati del Dasoe (il Dipartimento Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico) della Regione Siciliana parlano chiaro: l’epidemia coronavirus in Sicilia sta avanzando. Nella settimana tra il 6 e il 12 dicembre i nuovi casi sono stati 6.168. In lieve aumento anche l’incidenza, così come i ricoveri. Aumentano anche i focolai e nascono nuove zone arancioni, disposte con ordinanza firmata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, su proposta del dipartimento regionale Asoe. Il provvedimento è stato preso a causa dell’alto numero di positivi in rapporto ai vaccinati.

Cinque i comuni che saranno in “zona arancione” dal 18 al 27 dicembre:

  • Castrofilippo (in provincia di Agrigento),
  • Marianopoli (Caltanissetta),
  • Motta Sant’Anastasia (Catania),
  • Terme Vigliatore (Messina),
  • Scaletta Zanclea (Messina).

Le misure restrittive anti-covid sono attualmente in vigore (fino al 20 dicembre) anche a San Michele di Ganzaria e Militello in Val di Catania (nella provincia etnea) e Itala, nel messinese.

A questo link è possibile consultare le misure restrittive in vigore con la zona arancione nei comuni siciliani. Riguardano spostamenti, coprifuoco, ristorazione, attività commerciali e altri ambiti.

(314)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.