Coronavirus. L’Arcidiocesi di Messina dona un ventilatore al Papardo, ma non è la sola

Foto dell'ospedale Papardo di MessinaL’Ospedale Papardo riceve due nuovi ventilatori, il primo donato dall’Arcidiocesi di Messina, il secondo da un cittadino che ha preferito rimanere anonimo. I due strumenti, fondamentali nella battaglia contro il coronavirus, sono destinati al nuovo reparto di malattie infettive della struttura.

A comunicare la donazione è il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Papardo, Mario Paino, che, nel ringraziare l’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela, ricorda l’importanza di strumenti come questi nella lotta al COVID-19. I ventilatori meccanici vengono infatti usati per la respirazione artificiale e verrà destinato alla rianimazione del reparto di malattie infettive.

A commentare il gesto è il direttore generale, Mario Paino: «Siamo grati alla Chiesa che è in Messina Lipari e Santa Lucia del Mela per questo gesto caritatevole a riprova di come la comunità cattolica e cristiana sia vicina alla scienza e al territorio. Grazie a questo gesto doniamo più speranza agli ammalati. Un atto di fede e grande umanità, e per questo la ringraziamo a nome di tutto l’Ospedale».

Il nuovo reparto di Malattie Infettive è stato presentato ieri dall’Ospedale Papardo, è destinato alla gestione dell’emergenza coronavirus ed è dotato di 11 posti letto e 6 di terapia intensiva. Ulteriori posti letto saranno attivati nelle prossime settimane.

(243)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *