Chiusura Boccetta, domani il giorno della verità

Domani sarà il giorno della verità per la viabilità a Messina; domani sarà il giorno in cui verranno stabilite con certezza data e modalità della chiusura dello svincolo di Boccetta in entrata, direzione Palermo.

E’ prevista infatti alle 11 in Prefettura una riunione del Comitato Operativo per la viabilità, composto in modo permanente da Polizia Stradale,  Vigili del Fuoco   Carabinieri, e a cui parteciperanno  anche rappresentanti di Comune, Polizia Municipale, A.N.A.S.,  Consorzio Autostrade Siciliane e Caronte&Tourist.

14 mesi, tanti ne serviranno per completare i lavori di messa in sicurezza del Viadotto Ritiro, che gioveranno all’azienda incaricata per ridurre la carreggiata ancora prima della Galleria Scoppo, anticipando di un Km la già esistente unica corsia.

Poco prima del viadotto infatti,  da ben cinque anni si viaggia su una sola corsia ed è proprio qui che dovrà nascere la bretella su cui si passerà una volta ultimati i lavori.

14 lunghissimi mesi, sempre che non ci siano ulteriori rinvii, che suonano come l’ennesima pesantissima tegola, che piomba su una città già duramente provata dal traffico. Dopo un fine agosto di passione per gli automobilisti, dovuto al massiccio controesodo di vacanzieri che ha paralizzato la viabilità, adesso siamo alle solite. In un periodo in cui riapriranno le scuole e gli uffici, sono richiesti altri sacrifici ai messinesi.  A disposizione, sempre in entrata verso Palermo, infatti, ci saranno solo gli svincoli di Giostra e Messina Centro, e ciò  comporterà   ripercussioni pesantissime sulle due arterie di riferimento, i viali Giostra ed Europa, di per sè costantemente intasati.

L’assessore alla viabilità Gaetano Cacciola non si sbottona sulla tempistica di inizio  dei lavori e dunque sulla relativa chiusura dello svincolo di Boccetta, preferendo aspettare la riunione di domattina per avere la certezza di quanto effettivamente accadrà. “Quel che è certo – spiega Cacciola- è che durante l’estate sono sta già fatte alcune modifiche ai semafori, come quello che dal serpentone della Caronte permette alle auto di procedere in direzione Giostra. Stiamo effettuando inoltre accurate verifiche sulle fasi semaforiche per permettere la massima fluidificazione del traffico e dunque ridurre i disagi per i cittadini”.

Anche per i Vigili Urbani non sarà certo facile gestire la situazione, considerando  l’organico sottodimensionato con cui dovranno affrontare la chiusura del Boccetta. Nei giorni scorsi il consigliere comunale Libero Gioveni aveva sollevato il problema, suggerendo di attingere alla graduatoria dei vigili concorsisti per far fronte all’emergenza viabilità che scaturirà dall’interdizione al transito dello svincolo. Ci auguriamo che dalla riunione di domani emergano novità positive anche sotto questo aspetto.

Lo svincolo per Palermo sarà chiuso da una sbarra elettrica, che si alzerà solo per i mezzi di soccorso e delle forze dell’ordine, che saranno dotati di apposito telecomando.  Non resta che armarsi di tanta pazienza e sperare che i 14 mesi non si prolunghino. Questa malaugurata ipotesi sarebbe davvero intollerabile  per i messinesi, già abituati a sopportare disagi di ogni genere.

Marika Micalizzi

 

 

(4549)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *