demolizione baracche di fondo saccà

Risanamento. Completata la fase di smaltimento dell’amianto nelle baracche di Fondo Saccà

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Si è conclusa la fase di smaltimento dell’amianto a Fondo Saccà e si è quindi entrati nel vivo delle operazioni di demolizione delle baracche. Ad annunciarlo è l’assessore Salvatore Mondello, che comunica quali saranno i prossimi step da seguire sulla strada del risanamento di Messina.

L’avvio ufficiale dei lavori era stato dato lo scorso 26 agosto, quando il sindaco di Messina, Cateno De Luca, è salito su una ruspa per dare un primo colpo simbolico alla baraccopoli di Fondo Saccà. Adesso, a distanza di un mese, l’assessore al Risanamento, Salvatore Mondello, è tornato al cantiere per un sopralluogo e ha fatto il punto sullo stato di avanzamento dei lavori. Gli interventi rientrano nell’ambito del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie – Progetto Capacity.

demolizione baracche di fondo saccà

«Così come previsto dal cronoprogramma – commenta Mondello – è stata completata la fase di smaltimento dell’amianto; si è dunque entrati nel vivo delle operazioni di demolizione delle cosiddette “baracche’”.  Appare quindi evidente come le procedure di risanamento, al di là delle dichiarazioni, della teoria e della ricerca dei meriti, sono costituite da una mole di adempimenti, da un lavoro continuo, silenzioso e complesso. Come ho sempre affermato, avere contezza in maniera concreta di tutto il lavoro fatto, mi rende fortemente orgoglioso del ruolo che mi è stato assegnato, che è strettamente connesso allo sviluppo del territorio».

«Il prossimo step – conclude – riguarda l’avvio dei lavori del cantiere per la demolizione in zona Annunziata Alta e a seguire tutti gli altri già inseriti nella programmazione per le gare d’appalto. Il disegno virtuoso per lo sviluppo della città, concepito dall’Amministrazione De Luca, a partire dall’insediamento va avanti; presto saranno cancellate brutture che hanno oppresso e degradato Messina per decenni, restituendo una dimensione di normalità e decoro, a beneficio di tutta la comunità».

(89)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.