Messina. Bancarelle vietate solo nel centro storico: la proposta di De Luca agli ambulanti

«Non più abusivi: siamo alle battute finali!» sembra chiudersi (o quantomeno trovare una tregua) con questa esclamazione del sindaco Cateno De Luca la battaglia contro i venditori ambulanti abusivi a Messina. Battaglia che ha avuto nei mesi alti e bassi, tra illegalità, corsa alle licenze e addirittura, in alcuni casi, minacce.

Dopo i giorni di fuoco dei mesi scorsi, tra blitz (quelli veri) della Polizia Municipale e post sulla pagina Facebook del primo cittadino, oggi Cateno De Luca annuncia una avvenuta conciliazione. Quanto durerà è da vedere, ma intanto la situazione sembra essersi stabilizzata almeno per chi gestisce le bancarelle del viale Europa (proprio dove nell’agosto 2019 il Sindaco aveva dichiarato di aver ricevuto delle minacce).

«Questa sera – racconta – gli ambulanti del viale Europa sono venuti al Comune per esibirmi le licenze che, dopo avere frequentato i corsi e presentato le relative certificazioni, hanno finalmente ottenuto per il commercio ambulante itinerante e dimostrarmi che avevano mantenuto l’impegno che avevano preso con me questa estate. Ho accolto con grande soddisfazione questa notizia, che costituisce a tutti gli effetti un vero e proprio traguardo per la legalità e una dimostrazione concreta che la linea di fermezza che abbiamo mantenuto in questi mesi è stata ripagata con un vero e proprio cambio di passo anche dagli ambulanti più ostinati».

Adesso, comunque, spiega De Luca, è il turno dell’Amministrazione di fare qualcosa per andare incontro alle necessità dei venditori ambulanti di Messina. L’idea è quella di proporre al Consiglio Comunale l’approvazione di una delibera che preveda una modifica delle aree della città in cui è vietato il commercio ambulante. In particolare si vorrebbe proporre di ridurre le aree in cui vige il divieto, situate principalmente tra il viale Annunziata e il Viale Europa, che verrebbe mantenuto principalmente nel centro storico della città.

(456)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *