casepopolari

Alloggi popolari pagati ma senza contratto: 500 famiglie aspettano la firma

Pubblicato il alle

3' min di lettura

casepopolariOltre 500 famiglie in attesa, da decenni, che qualcuno apponga la firma sui contratti delle abitazioni che hanno regolarmente acquistato. Questa la denuncia del Consigliere Comunale, capogruppo consiliare di Sicilia Vera, Ivano Cantello, che perora la causa di quei cittadini, circa 500 famiglie, costretti a vivere nell’angoscia e nel degrado (causato dalla mancata manutenzione per i conflitti di competenza) poiché dopo aver acquistato le casa popolari in cui risiedono, a causa di inconvenienti di carattere burocratico, non sono riusciti a stipulare gli atti di compravendita: «Chiediamo l’intervento delle istituzioni per il rispetto della legge. È ora che lo Iacp, l’Agenzia del demanio e il Comune di Messina ― dice Cantello ― diano una risposta». «Gli atti di compravendita  degli alloggi di proprietà dello Stato ― spiega il consigliere comunale ―, sono difatti già dai Notai per essere firmati, ma non sono stati stipulati, in quanto l’ultima legge finanziaria 22/12/2011 nr.214, ha trasferito la competenza ai Comuni. In precedenza la stipula dei contratti, doveva avvenire tra gli acquirenti, lo Iacp e l’Agenzia del demanio, tuttavia in questi anni le Istituzioni competenti non sono riuscite ad espletare l’iter per la definizione dei contratti». «Inoltre – aggiunge il consigliere –, con le nuove disposizioni normative, gli acquirenti rischiano di subire ulteriori ritardi e soprattutto, richieste illegittime di somme da parte dei Comuni considerato che queste sono state interamente già versate nelle casse dello Stato dagli aventi diritto. Nel 2005 e nel 2006, con il medesimo iter vennero trasferiti degli alloggi al Comune di Messina che richiese e continua infatti a richiedere  somme a titolo di locazione ad utenti che hanno interamente pagato le loro abitazioni generando così una miriade di contenziosi». Lo stesso Cantello afferma di aver presentato personalmente all’Iacp la situazione in cui versano queste famiglie, per evitare ulteriori lungaggini e danni erariali. «Per velocizzare l’iter burocratico ― ha concluso il capogruppo di Sicilia Vera ― ed evitare quindi ulteriori contenziosi, sarebbe opportuno che per quei contratti con procedimenti già conclusi il Comune fosse interessato solamente alla mera sottoscrizione degli atti, senza entrare nel merito delle pratiche già espletate e pronte per la firma. Chiedo inoltre, agli enti istituzionali (Iacp, Agenzia del Demanio e Comune di Messina) di salvaguardare i cittadini non facendo pagare i canoni di affitto a chi ha già pagato le abitazioni e sta continuando a subire dei danni». Il consigliere Cantello invita i cittadini coinvolti nella vicenda a contattare il numero 33126 56673 o a scrivere all’indirizzo e-mail  info@ivanocantello.org, per firmare una petizione e chiedere agli enti interessati il rispetto della legge e dei diritti acquisiti. 

(81)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.