Al via i vaccini anti-covid in Sicilia: tutto quello che c’è da sapere

fiala e siringa per il vaccino anti covid (o coronavirus)Già lo scorso 2 dicembre il ministro Roberto Speranza aveva presentato le linee guida del Piano strategico per il vaccino anti-Covid 19. Il piano è stato elaborato dal Ministero della Salute, il Commissario Straordinario per l’Emergenza, l’Istituto Superiore di Sanità, Agenas e Aifa.

In seguito all’approvazione del documento da parte di Senato e Camera, il vaccino è già in distribuzione. (Anche in Sicilia). Il vaccino anti-Covid sarà gratuito e garantito a tutti.

«Oltre 202 milioni di dosi disponibili – fa sapere il Ministero della Salute – in base agli accordi stipulati e dopo l’autorizzazione dell’EMA (Agenzia Europea per i Medicinali) e dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco).

Il piano vaccinale contro il coronavirus

Il vaccino anti-Covid che verrà somministrato si chiama Vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty). In Italia le prime dosi (circa 9.750) sono arrivate lo scorso 27 dicembre. In questa fase, sono state identificate 3 categorie da vaccinare in via prioritaria:

  1. Operatori sanitari e sociosanitari sia pubblici che privati accreditati. Questa categoria, infatti, ha un rischio più elevato di essere esposta all’infezione da COVID-19 e di trasmetterla a pazienti suscettibili e vulnerabili in contesti sanitari e sociali.
  2. Residenti e personale dei presidi residenziali per anziani. Un’elevata percentuale di residenze sanitarie assistenziali (RSA) è stata gravemente colpita dal COVID-19. I residenti di tali strutture sono ad alto rischio di malattia grave a causa dell’età avanzata, la presenza di molteplici patologie, la necessità di assistenza per alimentarsi e per le altre attività quotidiane.
  3. Persone di età avanzata. Un programma vaccinale basato sull’età è generalmente più facile da attuare e consente di ottenere una maggiore copertura vaccinale. È anche evidente che un programma basato sull’età
    aumenti la copertura anche nelle persone con fattori di rischio clinici, visto che la prevalenza di patologie aumenta con l’età.

Le priorità potrebbero cambiare sostanzialmente se i primi vaccini disponibili non fossero considerati efficaci per gli anziani.

Tutto quello che c’è da sapere sul vaccino anti-Covid

Qui rispondiamo ad alcune delle domande più frequenti sul vaccino anti-Covid 19. Da cosa contiente a come agisce, a chi dovrà somministrarlo alla fatidica domanda; con il vaccino si potrà tornare alla normalità?

  • A cosa serve?
    Il vaccino COVID-19 è un vaccino destinato a prevenire la malattia da coronavirus 2019 nei soggetti di età pari o superiore a 16 anni. Contiene una molecola denominata RNA messaggero (mRNA) con le istruzioni per produrre una proteina presente su SARSCoV-2, il virus responsabile di COVID-19. Il vaccino non contiene il virus e non può provocare la malattia.
  • Come viene somministrato?
    Il vaccino anti-Covid viene somministrato in due iniezioni, solitamente nel muscolo della parte superiore del braccio, a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra.
  • Come agisce?
    I virus SARS-CoV-2 infettano le persone utilizzando una proteina di superficie, denominata Spike, che agisce come una chiave permettendo l’accesso dei virus nelle cellule, in cui poi si possono riprodurre. Tutti i vaccini attualmente in studio sono stati messi a punto per indurre una risposta che blocca la proteina Spike e quindi impedisce l’infezione delle cellule. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) è fatto con molecole di acido ribonucleico messaggero (mRNA) che contengono le istruzioni perché le cellule della persona che si è vaccinata sintetizzino le proteine Spike. Nel vaccino le molecole di mRNA sono inserite in una microscopica vescicola lipidica che permette l’ingresso del mRNA nelle cellule. Una volta iniettato, l’mRNA viene assorbito nel citoplasma delle cellule e avvia la sintesi delle proteine Spike. Le proteine prodotte stimolano il sistema immunitario a produrre anticorpi specifici. In chi si è vaccinato e viene esposto al contagio virale, gli anticorpi così prodotti bloccano le proteine Spike e ne impediscono l’ingresso nelle cellule. La vaccinazione, inoltre, attiva anche le cellule T che preparano il sistema immunitario a rispondere a ulteriori esposizioni al Covid-19.
    Il vaccino, quindi, non introduce nelle cellule di chi si vaccina il virus vero e proprio, ma solo l’informazione genetica che serve alla cellula per costruire copie della proteina Spike. Se, in un momento successivo, la persona vaccinata dovesse entrare nuovamente in contatto con il SARSCoV-2, il suo sistema immunitario riconoscerà il virus e sarà pronto a combatterlo. L’mRNA del vaccino non resta nell’organismo ma si degrada poco dopo la vaccinazione.
  • Che cosa contiene?
    Il COVID-19 mRNA BNT162b2 (Comirnaty) contiene un RNA messaggero che non può propagare se stesso nelle cellule dell’ospite, ma induce la sintesi di antigeni del virus SARS-CoV-2 (che esso stesso codifica). Gli antigeni S del virus stimolano la risposta anticorpale della persona vaccinata con produzione di anticorpi neutralizzanti. L’RNA messaggero è racchiuso in liposomi. Il vaccino contiene inoltre altri eccipienti:
    • 1,2-Distearoyl-sn-glycero-3-phosphocholine
    • colesterolo
    • Potassio cloruro
    • Potassio diidrogeno fosfato
    • Sodio cloruro
    • Fosfato disodico diidrato
    • saccarosio
    • acqua per preparazioni iniettabili
  • La sperimentazione è stata abbreviata per avere presto il prodotto?
    Gli studi sui vaccini anti-Covid 19, compreso il vaccino distribuito in Italia, sono iniziati nella primavera 2020, perciò sono durati pochi mesi rispetto ai tempi abituali, ma hanno visto la partecipazione di un numero assai elevato di persone: dieci volte superiore agli standard degli studi analoghi per lo sviluppo dei vaccini. Perciò è stato possibile realizzare uno studio di grandi dimensioni, sufficienti per dimostrare efficacia e sicurezza. Non è stata saltata nessuna delle regolari fasi di verifica dell’efficacia e della sicurezza del vaccino: i tempi brevi che hanno portato alla registrazione rapida sono stati resi possibili grazie alle ricerche già condotte da molti anni sui vaccini a RNA, alle grandi risorse umane ed economiche messe a
    disposizione in tempi rapidissimi e alla valutazione delle agenzie regolatorie dei risultati ottenuti man mano che questi venivano prodotti e non, come si usa fare, soltanto quando tutti gli studi sono completati. Queste semplici misure hanno portato a risparmiare anni sui tempi di approvazione.
  • Come sono stati condotti gli studi clinici?
    Uno studio clinico di dimensioni molto ampie ha dimostrato che il vaccino è efficace nella prevenzione di COVID-19 nei soggetti a partire dai 16 anni di età. Il profilo di sicurezza ed efficacia di questo vaccino è stato valutato nel corso di ricerche svolte in sei paesi: Stati Uniti, Germania, Brasile, Argentina, Sudafrica e Turchia, con la partecipazione di oltre 44.000 persone. La metà dei partecipanti ha ricevuto il vaccino, l’altra metà ha ricevuto un placebo, un prodotto identico in tutto e per tutto al vaccino, ma non attivo. L’efficacia è stata calcolata su oltre 36.000 persone a partire dai 16 anni di età (compresi soggetti di età superiore ai 75 anni) che non presentavano segni di precedente infezione. Lo studio ha mostrato che il numero di casi sintomatici di COVID-19 si è ridotto del 95% nei soggetti che hanno ricevuto il vaccino (8 casi su 18.198 avevano sintomi di COVID-19) rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo (162 casi su 18.325 avevano sintomi di COVID-19).
  • Quanto è efficace?
    I risultati di questi studi hanno dimostrato che due dosi del vaccino anti-Covid somministrate a distanza di 21 giorni l’una dall’altra possono evitare al 95% degli adulti dai 16 anni in poi di sviluppare la malattia COVID-19 con risultati sostanzialmente omogenei per classi di età, genere ed etnie. Il 95% di riduzione si referisce alla differenza tra i 162 casi che si sono avuti nel gruppo degli oltre 18mila che hanno ricevuto il placebo e i soli 8 casi che si sono avuti negli oltre 18mila che hanno ricevuto il vaccino.
  • La protezione è efficace subito dopo l’iniezione?
    No, l’efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose.
  • Quanto dura la protezione indotta dal vaccino?
    La durata della protezione non è ancora definita con certezza perché il periodo di osservazione è stato necessariamente di pochi mesi, ma le conoscenze sugli altri tipi di coronavirus indicano che la protezione dovrebbe essere di almeno 9-12 mesi.
  • Il vaccino può provocare la malattia COVID-19 o altre alterazioni genetiche?
    Questo vaccino non utilizza virus attivi, ma solo una componente genetica che porta nell’organismo di chi si vaccina l’informazione per produrre anticorpi specifici. Non sono coinvolti virus interi o vivi, perciò il vaccino non può causare malattie. L’mRNA del vaccino come tutti gli mRNA prodotti dalle cellule si degrada naturalmente dopo pochi giorni nella persona che lo riceve.
  • Le persone vaccinate posso trasmettere comunque l’infezione ad altre persone?
    Gli studi clinici condotti finora hanno permesso di valutare l’efficacia del vaccino anti-Covid sulle forme clinicamente manifeste di coronavirus ed è necessario più tempo per ottenere dati significativi per dimostrare se i vaccinati si possono infettare in modo asintomatico e contagiare altre persone. Sebbene sia plausibile che la vaccinazione protegga dall’infezione, i vaccinati e le persone che sono in contatto con loro devono continuare ad adottare le misure di protezione anti-Covid.
  • Chi ha già avuto un’infezione da COVID-19, confermata, deve o può vaccinarsi?
    La vaccinazione non contrasta con una precedente infezione da COVID-19, anzi potenzia la sua memoria immunitaria, per cui non è utile alcun test prima della vaccinazione. Tuttavia, coloro che hanno avuto una diagnosi di positività a COVID-19 non necessitano di una vaccinazione nella prima fase della campagna vaccinale, mentre potrebbe essere considerata quando si otterranno dati sulla durata della protezione immunitaria.
  • I bambini possono essere vaccinati?
    Questo vaccino non è al momento raccomandato nei bambini di età inferiore a 16 anni. L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha concordato con l’azienda produttrice un piano per la sperimentazione del vaccino nei bambini in una fase successiva.
  • Chi somministrerà il vaccino?
    La vaccinazione sarà effettuata da medici e infermieri dei servizi vaccinali pubblici, persone che da tempo praticano vaccinazioni e sono esperte nelle tecniche di vaccinazione. Inoltre, in considerazione della particolarità di questo vaccino, gli operatori sanitari hanno ricevuto ulteriori informazioni tecniche specifiche sulla preparazione e somministrazione del vaccino anti-Covid.
  • La vaccinazione consente di tornare alla vita di prima?
    Anche se l’efficacia del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 è molto alta (oltre il 90%) vi sarà sempre una porzione di vaccinati che non svilupperà la difesa immunitaria, inoltre, ancora non sappiamo in maniera definitiva se la vaccinazione impedisce solo la manifestazione della malattia o anche il trasmettersi dell’infezione. Ecco perché essere vaccinati non conferisce un “certificato di libertà” ma occorre continuare ad adottare comportamenti corretti e misure di contenimento del rischio di infezione.

Per altre informazioni, qui il testo completo dell’Agenzia del Farmaco.

(1428)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *