accorinti eee

Accorinti: “La Vara serva a ridare entusiasmo alla città”

Pubblicato il alle

4' min di lettura

 

accorinti eeeAlla vigilia dell’evento religioso cittadino più importante dell’anno, il sindaco Renato Accorinti affida le proprie considerazioni ad una lettere che vi proponiamo integralmente:

La Festa della Vara è senz’altro l’appuntamento più atteso  e sentito dell’anno per il popolo messinese. Una tradizione che si rinnova da  più di cinquecento anni, che ormai fa parte del nostro DNA culturale  e che vede la partecipazione sentita di decine di  migliaia di fedeli e di affezionati a questo antico rituale.  La Festa della Vara ha una sua caratteristica che la rende unica e straordinaria: lo sforzo congiunto di un migliaio di tiratori riesce a far camminare sull’asfalto  senza ruote- ed è questo che fa la differenza con altre macchine votive-  la Vara con le sue nove tonnellate per alcuni chilometri!  E’ uno sforzo collettivo davvero straordinario,  che non solo esprime  la fede di chi vi partecipa, ma  ha anche un  forte valore simbolico: un popolo se è unito e condivide un sogno, un ideale, una fede, può smuovere le montagne.  Questo è il grande, imperituro, messaggio della Vara che deve diventare per tutti noi un faro che guida la nostra azione quotidiana.

Ecco, in questi due anni di esperienza amministrativa ci siamo sentiti alcune volte sostenuti dai cittadini messinesi, ci siamo sentiti una sola cosa con la città , e questo ci ha permesso di fare cose che sembravano impossibili.  Altre volte, anche per colpa nostra, non siamo riusciti a creare questo legame, questa sinergia, che può farci fare quel salto di qualità che molti messinesi si aspettano e meritano.  Ma, la Festa della Vara ci insegna anche questo: prima di partire, prima dello strappo, c’è uno sforzo congiunto che non dà subito risultati.  La Vara rimane immobile mentre un migliaio di uomini e donne, giovani ed anziani, tirano le corde con tutte le loro forze.  Se si facessero  prendere dall’ansia , se perdessero la fiducia in se stessi, mollerebbero le corde e la Vara resterebbe ferma come una roccia. E invece dopo qualche secondo/minuto che sembra una eternità arriva “lo strappo”, si rompe la forza dell’inerzia e la Vara inizia il suo percorso.  Crediamo che quanto sia avvenuto due anni fa, nelle elezioni amministrative,  abbia molto a che fare con questo “strappo”.   I cittadini messinesi hanno creduto che era possibile fare ripartire questa città che sembrava finita in un pozzo senza fondo.  C’è stato lo “strappo”  e la città è ripartita tra l’entusiasmo di molti.   Poi è subentrata la stanchezza, la fatica, il disincanto.  Ma, anche questo ci insegna il cammino  della Vara: il percorso è lungo, faticoso, non privo di ostacoli – dalle buche ai rami degli alberi- e qualcuno molla, qualcun altro continua stancamente, ma la maggioranza continua a tirare con forza e convinzione.  

E’ con questo spirito che noi intendiamo andare avanti.  Le difficoltà sono tante e le politiche di austerity hanno tagliato anno dopo anno i trasferimenti dello Stato agli enti locali, colpendo i servizi essenziali anche nella nostra città.  Eppure, malgrado le ristrettezze economiche, questa amministrazione è riuscita a realizzare piccole e grandi cose, grazie al sostegno volontario di tanti cittadini, all’impegno dei dipendenti comunali che hanno creduto  in questa scommessa, alla costanza ed alla abnegazione di questa giunta.  Certo, non sono mancati gli errori, spesso legati all’inesperienza, ma siamo vicini alla “girata”, a quel momento magico che i tiratori della Vara conoscono bene e che vivono ogni anno vivono con tanta trepidazione.  Con questi sentimenti  quest’anno invitiamo tutti i messinesi a vivere questa giornata di festa con un rinnovato entusiasmo e con un rinnovato impegno d’amore verso la nostra città.  W La Festa della Vara.

Il Sindaco  Renato Accorinti

(514)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.