AAA Cercasi docenti per la Scuola degli antichi mestieri di Messina

cateno de luca, sindaco di messina, suona la zampogna in conferenza stampaIl Comune di Messina cerca docenti per dare il via alla sua Scuola degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari, nata per promuovere e valorizzare il bagaglio culturale secolare della città dello Stretto. Il bando per presentare la propria domanda è già disponibile e scaricabile sul sito istituzionale.

Il progetto è stato presentato lo scorso 5 dicembre a Palazzo Zanca nel corso di una conferenza stampa apertasi in modo decisamente originale: il sindaco Cateno De Luca, infatti, ha fatto il suo ingresso nella Sala Falcone e Borsellino suonando la zampogna. E oggi, a pochi giorni dalla presentazione di questa nuova Scuola, l’Amministrazione è già alla ricerca di insegnanti, esperti del settore, che possano tramandare gli antichi mestieri alle nuove generazioni, mettendo insieme vecchio e nuovo, tradizione e innovazione.

Chiunque sia interessato a partecipare alla selezione però dovrà affrettarsi perché il termine per la presentazione delle candidature è fissato per il prossimo venerdì 14 dicembre 2018. Questo, evidentemente perché, come si legge nel bando: “L’attività formativa sarà programmata a partire dal 17 dicembre 2018, compresi i sabati e le domeniche, e dovrà concludersi, salvo proroghe, entro il 31 dicembre 2018”.

L’attività didattica della Scuola degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari sarà incentrata su 14 ambiti tematici diversi, di conseguenza, si cercano persone che possano vantare una comprovata esperienza nei seguenti settori:

  • Tecniche Agrarie;
  • Tecniche Agroalimentare (pasticceria, panificazione, produzione di olio e vino, conserve e sott’olii);
  • Tecniche di lavorazione del legno;
  • Tecniche di lavorazione del cuoio;
  • Tecniche di lavorazione del ferro;
  • Tecniche di lavorazione della pietra;
  • Strumenti, canti e tradizioni musicali;
  • Antichi mestieri del Mare;
  • Opera dei pupi;
  • Tradizioni Religiose;
  • Nuove forme di artigianato (modellazione 3D, Artigianato digitale, laser cutting);
  • Recupero di materiali antichi con tecniche moderne e innovazioni di design;
  • Ricamo e cucito;
  • Oreficeria.

Requisiti per partecipare al bando di selezione dei docenti

Per partecipare al bando di selezione dei docenti della nuova Scuola degli antichi mestieri e delle tradizioni popolari messinesi ed essere effettivamente presi in considerazione, occorre possedere determinati requisiti. Vale a dire:

  • Avere cittadinanza italiana;
  • Avere almeno 18 anni;
  • Idoneità fisica all’espletamento delle mansioni da svolgere;
  • Godimento dei diritti civili e politici;
  • Non avere riportato condanne penali e non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono dalla nomina all’impiego presso una Pubblica Amministrazione;
  • Non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione per insufficiente rendimento, ovvero non essere stato dichiarato decaduto da un impiego   statale.

Chiunque si candidi per entrare a far parte del corpo docente della Scuola dovrà chiaramente essere esperto e specializzato nelle materie inserite nel piano didattico e  deve avere adeguate capacità di trasmissione del proprio sapere.

Tempi e modi di partecipazione al bando

Sarà possibile presentare la propria candidatura entro le ore 13.00 del 14 dicembre 2018 compilando un apposito modulo completo dei dati anagrafici e dei recapiti per le comunicazioni.

Tutta la documentazione necessaria (comprensiva di documento di riconoscimento valido) dovrà essere inviata via PEC all’indirizzo: protocollo@pec.comune.messina.it. In alternativa è possibile presentare la propria istanza a mano in busta chiusa agli uffici dell’URP (Protocollo) situati al piano terra di Palazzo Zanca.

Le domande verranno esaminate da un comitato scientifico che valuterà le capacità del richiedente al quale potrà, se lo riterrà necessario, richiedere un colloquio mirato. Chiusa questa fase, verrà stilato un elenco delle candidature ritenute ammissibili.

Il bando completo è disponibile sul sito del Comune.

 

(991)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *