“Salvare l’Ospedale Piemonte”: “4 emergenze in una notte al Pronto soccorso e ancora lo smantellano”

pronto soccorso piemonteIl Comitato “Salvare l’Ospedale Piemonte” scrive: “Prorogata la soppressione della guardia di anestesia notturna mentre la notte del 13 luglio il Pronto Soccorso del Piemonte gestisce 4 codici rossi di cui 2 sottoposti ad intervento chirurgico simultaneo.

L’accordo fra l’ ASP e l’Azienda Papardo che ha consentito al P.S. del Piemonte, per il momento, di restare aperto dalle 20 alle 8, superando la circolare del Direttore Generale che ne aveva decretato la chiusura, si è
rivelato provvidenziale per i 4 accessi in codice rosso che sono stati gestiti nella struttura la notte del 13 luglio.

Dapprima un paziente con infarto, ricoverato in Unità Coronarica; alle 21.30 una paziente con una gravissima insufficienza respiratoria viene immediatamente intubata e ricoverata in Rianimazione. E’ poi la volta
di un giovane politraumatizzato a seguito d’incidente stradale che viene sottoposto in nottata ad intervento chirurgico nel Complesso Operatorio del “Piemonte”. Alle prime luci dell’alba e con l’intervento ancora in corso,
giunge al PS un paziente una bradicardia estrema ed in imminente pericolo di vita. Trasportato rapidamente nel Complesso Operatorio, gli viene impiantato un Pace Maker che gli salva la vita.

Nonostante la straordinaria efficienza dimostrata dal personale, suscita non poche perplessità rilevare la concomitanza di due interventi effettuati in emergenza, a fronte della decisione della Direzione del Papardo di sopprimere la guardia notturna di anestesia, affidando le urgenze ad un unico medico reperibile, che, possiamo immaginare, si sia trovato da solo ad operare contemporaneamente in due sale operatorie.

Avere scongiurato la chiusura del Pronto Soccorso, come dimostrano i fatti, costituisce una grossa conquista per la città. Di certo i quattro pazienti sono stati assistiti con la necessaria tempestività, grazie anche alla ben nota logistica e accessibilità dell’ ospedale.

Sappiamo che la Legge Regionale 24/2015 ed il relativo Decreto Attuativo impongano la piena funzionalità del Pronto Soccorso e dei reparti afferenti. Riteniamo che l’attuale organizzazione che prevede il solo reperibile di  anestesia di notte, senza medico in guardia attiva, sia palesemente in contrasto con tale legge, violando anche la normativa nazionale vigente in materia, oltre che il buon senso ed esponendo a grave rischio la popolazione.
Non ci possiamo esimere dal ricordare, ancora una volta, che con il depotenziamento del pronto soccorso si sia realizzata una grave violazione dell’ ordinanza di necessità emessa dal Sindaco di Messina in materia di conservazione del servizio, violazione che integra il reato previsto dall’ art, 650 C.P..
Lo smantellamento surrettizio e graduale del pronto soccorso (e la conseguente continuazione nel reato) pare si stia verificando anche, alla chetichella, con un viavai di mezzi che, senza un provvedimento formale e quindi senza trasparenza, trasferiscono via dall’ Ospedale Piemonte apparecchiature essenziali al funzionamento dei reparti.

Si persiste con comportamenti di disprezzo delle regole, delle norme di legge, degli accordi sindacali e della salute dei cittadini: il tutto sarà verificato e denunciato nelle sedi competenti, nella speranza di una maggiore attenzione da parte degli organi titolari dell’ esercizio dell’azione penale, e prima che un evento infausto – che sinceramente speriamo mai si verifichi – possa solo dare l’ inutile e amaro riconoscimento de “l’avevamo detto”.

Confidiamo che il provvedimento di sospensione della guardia notturna di anestesia, peraltro adottato in assenza di una formale modifica del Piano Aziendale delle Emergenze-Urgenze ed in violazione delle corrette relazioni sindacali, venga al più presto revocato e l’ organizzazione del Polo di Emergenza presso l’Ospedale Piemonte sia improntata a criteri di massima sicurezza per la salute e la vita dei pazienti”.

(322)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *