Muore a 20 anni dopo un incidente, donati ieri i suoi organi

organiLa Direzione Aziendale del Policlinico G. Martino di Messina, comunica che nella giornata di ieri è stato eseguito con successo un intervento di prelievo multiorgano su un giovane donatore di soli 20 anni, coinvolto in un incidente stradale autonomo. Questo quanto riportato nel comunicato:

“Sebastiano Leonardi, 20 anni, di Graniti, nella notte tra il 4 e il 5 settembre, era alla guida del suo motorino quando accidentalmente ne ha perso il controllo cadendo sulla strada e riportando un grave politrauma.

Soccorso dal 118 è stato subito trasportato all’Ospedale di Taormina, dove è stato sottoposto ad un intervento di asportazione della milza. Di seguito, per la gravità del trauma cranico e toracico riportati, è stato trasferito presso l’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione con Terapia Intensiva del Policlinico  di Messina. Qui, tuttavia, le condizioni cliniche sono apparse da subito disperate e nulla ha potuto strappare il giovanissimo Sebastiano alla morte cerebrale, che è stata tempestivamente accertata dai sanitari secondo le modalità previste dalla Legge.

L’accertamento della morte encefalica, si rammenta, è una procedura obbligatoria e che deve essere eseguita immediatamente ogni qualvolta se ne ravvisino le condizioni.

Solo a questo punto, si è potuto chiedere ai familiari di esprimere una loro eventuale volontà alla donazione degli organi.

Si tiene a ribadire come anche in questo caso, il papà, le sorelle e i parenti più stretti di Sebastiano, con commovente slancio altruistico, abbiano subito acconsentito affinchè si ripetesse il miracolo della vita che, come un formidabile testimone, viene trasmessa ad altri sconosciuti afflitti dalla disperata necessità di un trapianto.

Il gesto di grande civiltà della famiglia Leonardi, cui va il sincero ringraziamento della Direzione dell’A.O.U. di Messina ha consentito di restituire nuova vita a 6 pazienti.

Nella notte tra martedì e mercoledì, ancora una volta, si è attivata la complessa macchina organizzativa che coinvolge un’intricata rete di professionalità. Tra queste: l’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione, la Direzione Sanitaria, il Coordinamento Aziendale per la Donazione e i Trapianti d’Organo, il Centro Regionale Trapianti, il Centro Nazionale Trapianti e i Centri Trapianto.

Così una equipe chirurgica dell’Az. Osp. “Molinette”, di Torino ha potuto prelevare il cuore. Il fegato e i reni sono stati prelevati dai chirurghi dell’ISMETT di Palermo mentre le cornee sono state prelevate dagli oculisti della A.O.U. di Messina per essere poi trasferite all’Ospedale Civico di Palermo e da qui alla Banca degli Occhi”.

(428)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *