Messina. Sabato 12 e domenica 13 tornano le Giornate FAI d’Autunno

Tornano le Giornate FAI d’Autunno, 700 luoghi aperti in 260 località italiane e 140 itinerari tematici. All’iniziativa partecipa anche la Delegazione FAI Messina.

Il Fondo Ambiente Italiano, per l’ottavo anno consecutivo, apre i patrimoni artistici e naturali del nostro Paese e lancia la campagna #ricordatidisalvarlItalia per sostenere il patrimonio artistico, culturale e naturale dei territori.

                                                                                 Affresco Chiesa Santa Maria del Rogato

La Delegazione FAI Messina si occuperà dell’apertura di 5 luoghi, con un itinerario tra Alcara Li Fusi e San Marco d’Alunzio, ecco nei dettagli:

 

  • Museo d’Arte Sacra, Alcara Li Fusi: inaugurato nel 2003, ha sede all’interno del Monastero delle Vergini Benedettine del 1559. Tra le pregevoli opere d’arte, spicca il paliotto d’altare del XVII secolo raffigurante San Nicolò Politi. Insieme alle opere pittoriche, conservata anche una pregevolissima collezione di libri antichi tra cui un incunabolo rarissimo del 1487. Apertura 10.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00.
  • Chiesa Madonna delle Grazie, Alcara Li Fusi: situata nell’omonima contrada, la chiesetta rupestre sorge alle pendici della Rocca Traura dove nidificano i Grifoni. All’interno due dipinti: “L’adorazione dei pastori” della seconda metà del XVII secolo e la tela ottocentesca raffigurante la “Madonna delle Grazie”. Apertura 10.00 – 12.00 / 15.00 – 00.00.
  • Chiesa San Pantaleone Martire, Alcara Li Fusi: la Chiesa San Pantaleone Martire custodisce la maestosa pala d’altare della Vergine col Bambino del palermitano Damiano Basile nel 1599. Inoltre ospita il sesto organo più antico di Sicilia del palermitano Giuseppe Speradeo del 1666. Apertura 10.00 – 12.30 / 15.00 – 18.00.
  • Chiesa Santa Maria del Rogato, Alcara Li Fusi: situato di fronte all’abitato di Alcara, sul versante opposto del fiume Rosmarino, il Monastero di Santa Maria del Rogato risulta esistente già nel 1105. Dell’antico complesso monastico rimangono la chiesetta e il portico cinquecentesco. La chiesa, pavimentata con maioliche smaltate seicentesche, custodisce sulle pareti laterali un pregevolissimo ciclo di affreschi restaurati recentemente. Apertura 10.00 – 12.00 / 15.00 – 00.00.
  • Museo della Cultura e delle Arti Figurative Bizantine e Normanne, San Marco d’Alunzio: istituito nel 1997, è ospitato presso l’ex Monastero delle Benedettine, costruito nel XVI secolo su una chiesa di età bizantino-normanna. Restaurato e ripristinato tra il 1994 e il 1997, comprende oggi tre grandi saloni e tre sale. Unico per tipologia in Sicilia. Il Museo, inserito nella campagna FAI dei “Luoghi del cuore”, ha una struttura architettonica di grande interesse, articolandosi in tre Sezioni: “Archeologica”, “Arti figurative bizantino-normanne” e “Medioevo nei Nebrodi”. Apertura 10.00 – 12.30 / 15.30 – 18.00.

Per sostenere il FAI: fondoambiente.it

 

(2091)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *