Daf-Teatro dell’Esatta Fantasia. Lo studio su “Otello” trionfa al festival di Asti

tn premio Scintille 2013

“Vorrei aver visto nuovi posti insieme a te”, “Vorrei aver fatto l’amore molte più volte”, “Vorrei averti invitata a ballare più spesso”, “Vorrei averti visto ballare”. Sono le voci di Otello e Desdemona al termine della loro tormentata storia d’amore, interpretati da Angelo Campolo e Federica De Cola, che hanno conquistato pubblico e giuria del Festival Asti Teatro, giunto alla sua 35esima edizione. La compagnia si è aggiudicata il Premio Scintille, concorso nazionale riservato a giovani compagnie italiane, con “Otello – una storia d’amore”, riscrittura del dramma shakespeariano che ha convinto la giuria presieduta da Emilio Russo, consulente artistico del festival, insieme ad Andrea Perini, direttore Festival Teatro Indipendente Fabbrica del Vapore di Milano, Valeria Ciabattoni, direttrice Circuito Teatrale Sardegna, e Giulio Baffi critico teatrale e direttore Festival di Benevento.

 

Lo spettacolo, presentato in forma di “studio”, è risultato per la giuria «interessante e meritevole di sostegno per la capacità del gruppo di confrontarsi con il testo shakespeariano con una drammaturgia originale, fresca e ricca di spunti emotivi. I due interpreti dei ruoli principali miscelano buone doti espressive ad un lavoro sui personaggi con notevoli sfumature e impatto emozionale, rendendoli contemporanei e conservando allo stesso tempo la forza lirica originale. Il progetto complessivo si presenta complesso e affascinante e quanto visto finora merita senz’altro attenzione e adesione». Una motivazione, questa, che incoraggia la compagnia formata da Angelo Campolo, Annibale Pavone, Federica De Cola, Tino Calabrò e Margherita Smedile, a proseguire nel percorso finora intrapreso con sempre più passione e impegno.

 

«Il lavoro drammaturgico – dichiara Angelo Campolo –  nasce dal desiderio di raccontare una speranza tradita, ovvero quello stato d’animo che credo sia al centro del nostro conflitto generazionale. Un conflitto che non si manifesta più in una ribellione dei figli nei confronti dei padri, come è stato fino a non molto tempo fa, ma che al contrario paradossalmente riunisce padri e figli in un confronto spesso disperato che si svolge sopra le macerie di un modello di vita che non ha più funzionato. Ci è stato consegnato un mondo in cui le regole ritenute vincenti sembrano averci mostrato la loro natura ingannevole, egoista, incapace di lungimiranza e solidarietà. Tradimento e tradizione, guarda caso, nascono etimologicamente dalla stessa parola. Un inganno dunque. E allora ripartire, poeticamente, dal più grande inganno che il teatro ci ha raccontato nel corso dei secoli: Otello. Utilizzare la poeticità del classico shakespeariano per mostrare quello che Otello spesso appare nel corso del dramma: un ragazzo smarrito. Diverso, nella nostra chiave di lettura, per il suo essere giovane. Straniero, perché non contaminato dalle regole di un mondo malvagio. Spingerci dunque a capovolgere anagraficamente Iago e Otello e ad innestare sulle parole di Shakespeare una drammaturgia originale è la strada che cerchiamo di percorrere per andare fino in fondo nel racconto di un amore ucciso sul nascere, di una speranza tradita e di una sconfitta dei modelli patriarcali sulla forza e la determinazione delle donne».

Le attività della compagnia non si fermano ma proseguiranno con una partnership in via di definizione con il Comune di Lipari-Assessorato alla Cultura e Bb.Cc. sul progetto culturale “Donne da Favola”, un “cartello” di iniziative ideato per rendere omaggio alla figura della donna contro ogni forma di prevaricazione e violenza. Il tema affrontato, quello del femminicidio, si inserisce in un più ampio dibattito a livello nazionale.

La rassegna si articola in diversi momenti nell’isola di Lipari, dal 21 al 28 luglio: mercoledì 24 Luglio, tavola rotonda con interventi di esperti che si sono occupati della ratifica della convenzione di Instanbul e della promozione del disegno di legge “Istituzione di una Commissione parlamentare sul fenomeno del femminicidio”; dal 21 al 27 Luglio Residenza Teatrale della compagnia che in 7 giorni lavorerà allo studio sullo studio di Otello; domenica 28 Luglio, performance dello studio su Otello nell’incantevole cornice del Teatro al Castello di Lipari.

E ancora, domenica 21 luglio, Daf-Teatro dell’Esatta Fantasia inaugurerà il cartellone del “Salina Festival–cinemaremusica 2013” con il concerto spettacolo “La lunga notte del Dott. Pennàc”, un irresistibile e tragicomico viaggio tra i reparti di un ospedale molto particolare: l’adattamento curato Angelo Campolo e accompagnato dalle musiche eseguite dal maestro Nicola Oteri, mette in scena una divertente performance tra teatro e musica sui vizi e le paure della medicina moderna. La pièce è tratta dall’opera comica di Daniel Pennàc e di Molière.

(39)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *