Un’organizzazione di Mangialupi spacciava cocaina ai giovanissimi. Un’ex convivente da’ il via alle indagini con le sue rivelazioni

DI BLASI LORENZODUCA ALESSANDROTURIANO FRANCESCOL’operazione Intreccio, scattata all’alba di stamani con l’applicazione di 11  misure cautelari da parte dei carabinieri, ha portato alla luce la fiorente attività nel mondo della droga di un gruppo del rione Mangialupi,  capeggiato da Francesco Turiano, 30 anni,  già con parecchi PINO SALVATORE TINDAROLA GANGA FILIPPOprecedenti specifici nel settore.

Indagini del Nucleo Investigativo dei carabinieri del Comando Provinciale di Messina, al comando del maggiore Ivan Boracchia, in quasi tre anni hanno accertato che l’organizzazione era dedita al traffico e lo spaccio di cocaina, hashish e marijuana: i destinatari erano giovanissimi.

I corrieri si rifornivano delle sostanze stupefacenti in  Lombardia, a Milano, tornando in Sicilia le spacciavano a Messina, Venetico, Torregrotta e a Militello Val di Catania. Consumatori, spesso, erano giovanissimi villeggianti.

A fare scattare l’indagine, nel gennaio 2011, le, rivelazioni di una donna, convivente di uno degli odierni arrestati. Scattate le intercettazioni, gli investigatori dell’Arma hanno dovuto fare i conti con l’eccesso di cautela dei componenti del gruppo, che nel timore di essere controllati, modificavano spesso le utenze telefoniche, subito individuate dai carabinieri. Il tenente colonnello Drago ha sottolineato la  spregiudicatezza dell’organizzazione che non si limitava a spacciare droghe leggere ai giovanissimi consumatori, ma riforniva loro anche cocaina.

Nel corso dei 3 anni di indagine sono stati sequestrati circa 60 grammi di cocaina, 370 di marijuana, 940 grammi di hashish e 4 bilancini di precisione.

Le misure cautelari, firmate dal Gip Antonino Genovese, richieste dal sostituto procuratore della DDA Giuseppe Verzera, hanno raggiunto:

Francesco Turiano , 30 anni; Lorenzo Di Blasi, 23 anni; Alessandro Duca, 37 anni;  Salvatore Pino, 28 anni; Girolamo Stracuzzi, 31 anni. Tutti in carcere.

Ai domiciliari, invece, vanno: Salvatore Guzzone, 41 anni; Daniele Giannetto, 36 anni; Filippo La Ganga, 27 anni; Giuseppe Strafallaci, 32 anni; Rosario Verdura, 34 anni.

Obbligo di dimora per Danny Cardillo, 25 anni.  Sono 21, nel totale, gli indagati.

Le accuse, a vario titolo, sono associazione a delinquere finalizzata alla traffico illecito di cocaina, hashish e marijuana, spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Nelle foto: Lorenzo Di Blasi, Alessandro Duca, Francesco Turiano, Salvatore Tindaro Pino, Filippo La Ganga

(135)

Categorie

Cronaca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *