Macellerie messinesi, in 6 casi su 10 carni “ringiovanite” con sostanze chimiche

carne-rossa-cancro-638x425I Carabinieri del Nas di Catania e del Comando provinciale di Messina, coordinati dalla Procura della Repubblica di Messina, hanno portato alla luce una pratica illegale ancora molto diffusa tra i macellai messinesi consistente nel “ringiovanimentodelle carni utilizzando sostanze chimiche. Nitriti e solfiti, infatti,  ridanno colore e simulano freschezza nella carne, sebbene siano già iniziati i naturali processi putrefattivi.

A seguito di una cospicua attività di campionamento delle carni è emerso un dato molto allarmante: in sei casi su dieci gli esami analitici hanno dimostrato un uso smodato di tali sostanze in concentrazioni molto elevate e pericolose per la salute pubblica, soprattutto nei macinati a base di carne, nei quali  l’impiego è più agevole.  Tali additivi, non consentiti e non dichiarati, agiscono come veri e propri allergeni e possono provocare effetti tossici talvolta letali.

Questo è il quadro della situazione dal quale si denota la scarsa sensibilità e attenzione che pongono taluni esercenti del settore nella vendita al dettaglio delle carni destinate ai consumatori. I titolari delle macellerie sono stati denunciati alla Procura della Repubblica della città  peloritana, insieme al gestore di un noto deposito all’ingrosso di carni, fornitore degli stessi.

Sul fenomeno sarà mantenuta alta e costante l’attenzione da parte dei militari del Nas, che procederanno ad espletare analoghe ispezioni anche in provincia.

 

(5161)

4 Comments

  • Ser !!! scrive:

    Per cortesia volete munirvi….di nomi dei soggetti ed aziende interessati, grazie così ce ne guardiamo bene ad andarci ancora grazie. E non ditemi gli inquirenti non hanno rilevato fin ora i nomi per adesso. Per cui trovatemi voi prima di pubblicare !!!

    • Redazione scrive:

      Per cortesia, volete capire che non possiamo che dare la notizia così come ci arriva tramite comunicato? Per cortesia, volete capire che, se solo denunciati, i nomi non vanno dati, e che solo in caso di arresto vengono trasmessi i nomi? Per cortesia, volete smetterla di prendervela sempre con i giornalisti? Per cortesia, ci dite che mestiere fate così veniamo a sindacare il vostro? Signor Comune, ci perdoni ma è prassi delle Forze dell’Ordine non dare i nomi e non tocca a noi investigare. Buona giornata.

  • Marco scrive:

    Applauso alla redazione. Del resto… dovremmo stupirci del messinese medio, che non riesce a parlare e/o scrivere correttamente in alcuna lingua? Per carità -.-

  • mimmo scrive:

    Una persona che ruba allo stato viene denunciato e si fa il nome, queste persone che rubano alle persone e li fanno ammalare vengono tenuti nascosti. L’Italia è questa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *