Nuovo sbarco di migranti. Cambiamo Messina parla del presunto attentato alla “Gasparro”

Migranti agosto 2014Non si fermano gli arrivi di migranti. Questa mattina al molo Marconi dalla nave “Chimera” sono scesi 283 profughi extracomunitari. Le operazioni di screening sanitario e di prima accoglienza sono state coordinate dalla prefettura e assicurate dal personale sanitario di Usmaf, Croce Rossa e Asp e dalle forze di polizia. Del gruppo fanno parte anche tre minori e una quarantina di donne. Per loro spazio tra la Caserma Gasparro a Bisconte che è stata aperta ai migranti dall’ultimo sbarco e la tendopoli dell’Annunziata.

Sul presunto attentato alla caserma Gasparro a Bisconte  è intervenuto il movimento vicino al sindaco Accorinti Cambiamo Messina dal Basso. Il gruppo ha espresso forte preoccupazione per l’attentato compiuto nella notte tra il 3 e il 4 settembre contro la caserma Gasparro. “Per quanto anche il movimento abbia espresso delle forti perplessità sull’opportunità di utilizzare una ex caserma per farne un centro Cara secondo una modalità di accoglienza per nulla inclusiva – si legge nella nota – temiamo tuttavia che tale gesto potrebbe rappresentare un grave atto d’intolleranza e di intimidazione contro gli stessi migranti, teso al contempo ad affermare una sorta di controllo mafioso sul territorio. Fermo restando che competerà a chi di dovere far luce sul vero movente di questo gravissimo gesto, il movimento ribadisce la propria vicinanza e solidarietà verso tutti i migranti e tutte le associazioni e volontari – conclude – e si adopererà perché si mettano in campo forme vere di accoglienza contro ogni logica securitaria e repressiva, lotterà con intransigenza contro ogni rigurgito razzista e contro ogni forma di intimidazione mafiosa”. 

(47)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *