messina licata

Serie D. ACR Messina bloccato 1-1 a Licata, vince e accorcia il Football Club

Pubblicato il alle

7' min di lettura

Terzultima giornata di campionato nel girone I di Serie D, al ritorno dalla lunga sosta che ha permesso alle squadre di recuperare le partite rinviate nei mesi e nelle settimane scorse. A Licata, la capolista ACR Messina ha accusato il colpo del break, portando a casa soltanto un punto forte dell’1-1 del “Dino Liotta”. Continua a sperare il Football Club Messina, vittorioso tra le mura amiche con un 2-1 in rimonta contro il Castrovillari.

Solo pareggio per il Messina a Licata

messina licata

Cornice di pubblico importante in terra agrigentina, dove il Licata è riuscito a vendere tutti i biglietti disponibili per i propri tifosi, staccandone anche un centinaio per i sostenitori peloritani presenti nella tribuna ospiti. La rosa di mister Raffaele Novelli, a cui il co-proprietario Carmine Del Regno ha confermato la piena fiducia anche in un’eventuale Serie C, è quasi al completo e si rivede nella formazione titolare il capitano Pietro Arcidiacono.

Neanche il tempo di iniziare e il parziale cambia subito. Calcio di punizione per i locali battuto da Frisenna, la palla finisce nella zona di Izco e con una deviazione impercettibile il centrocampista del Licata segna: 1-0 e partita in salita per l’ACR Messina. Al 5′ c’è aria di raddoppio, ma Caruso compie un autentico miracolo su Greco e tiene vivi i suoi. Il primo tiro del Messina arriva al 12′ con Aliperta, mentre due minuti dopo Arcidiacono colpisce il palo con un siluro dalla distanza. Lo imita poco dopo Frisenna, che al 22′ spiazza Caruso ma non va oltre il palo destro della porta difesa dall’estremo difensore di origini laziali.

Si infiamma intanto l’animo del match e alla mezz’ora sono ben tre i nomi finiti sul taccuino del direttore di gara. Il Licata ci prova un paio di volte in chiusura di primo tempo, ma ancora una volta i biancoscudati riescono a salvarsi, un po’ per fortuna, un po’ per gli errori degli avversari. Il rientro negli spogliatoi è una manna dal cielo per i ragazzi di Novelli, chiamati a rispondere sotto di un gol.

Nella ripresa l’ACR adopera alcune sostituzioni, con Crisci al posto di Cretella e Cascione per Mazzone. C’è equilibrio in campo, ma al 60′ il Licata paga una distrazione e sul rimpallo di un calcio d’angolo è il solito Paolo Lomasto a pareggiare i conti al Dino Liotta. Per un attimo, entusiasti per la notizia del gol del Castrovillari contro il Football Club, i tifosi del Messina si illudono di poter centrare l’obiettivo promozione già oggi, e dopo un’occasione di Foggia, arrivano due reti, prima di Manfrellotti, poi di Cunzi, che fanno impazzire i giallorossi, ma in entrambe le occasione a beffare la compagine messinese è il fuorigioco.

Sfumata l’opportunità per il vantaggio, il Licata si blinda in difesa e all’ACR Messina non bastano i 6 minuti di recupero da thriller. Al 94′, infatti, il terzino sinistro Mannina toglie la palla dalla porta e impedisce alla squadra ospite di trovare il gol vittoria che avrebbe annullato i due punti recuperati dal FC. Occhi puntati quindi sul test casalingo di mercoledì prossimo contro il Marina di Ragusa, dove servirà la combinazione di una vittoria della prima e un pareggio della seconda in classifica per ipotecare il salto di categoria.

Il Football Club non smette di crederci

In un rovente “Franco Scoglio” al centro delle polemiche cittadine per la gestione del Comune, va in scena la gara di ritorno tra Football Club Messina e un Castrovillari già salvo e senza motivazioni. Costantino deve fare a meno degli acciaccati Piccioni e Caballero e dello squalificato Agnelli. Si rivede in panchina Domenico Marchetti.

I primi 45 minuti sono stranamente lenti. Il FC cerca di affondare con un calcio piazzato di Lodi e un’azione di Carbonaro, ma i calabresi si chiudono bene nella loro metà campo e impegnano Marone soltanto al 20′, con Tuninetti che costringe il portiere giallorosso a intervenire coi pugni. Pochi sussulti da entrambe le parti, forse condizionate dal caldo: il termometro segna 30 gradi.

Il secondo tempo si apre con un palo clamoroso del Castrovillari. Bonanno approfitta di una ripartenza per servire Greco, che prende la mira e stampa la sua conclusione sul legno. La replica del Football Club non tarda ad arrivare e i cosentini faticano a rimanere al passo del tandem Carbonaro-Arena. Il primo dà una traiettoria velenosa a un tiro che lascia immobile Rizzitano, il secondo riceve proprio da Carbonaro e da fuori area tira di prima sul palo. Il gol è nell’aria e al 61′ è Palma a sbloccare il risultato calciando in porta da pochissimi metri. 1-0 per il FC al Franco Scoglio.

I padroni di casa non si aspettano una reazione del Castrovillari, ma dopo 10 minuti un assist involontario di Cangemi lancia Bonanno che batte Marone e fa 1-1. Il Football Club è obbligato a riportarsi davanti e all’81’ ci riesce con una punizione di Lodi che sorprende tutti e trova un Carbonaro liberissimo, che ha tutto il tempo di calibrarsi per ribadire in rete il pallone che vale il definitivo 2-1. La stanchezza si fa sentire negli ultimi giri di orologio e alla fine il tabellone segna 2-1 per la formazione di Costantino, che a -2 dall’ACR può giocarsi le sue carte in quello che sarà un finale di campionato a dir poco infuocato.

La classifica del girone I

messina licata

Il pareggio dell’ACR Messina riavvicina il Football Club, adesso distante solo due lunghezze dalla vetta della classifica. Ancora aperta la lotta per i playoff, con San Luca, Acireale e Dattilo protagoniste dell’ultimo sforzo per guadagnarsi l’ultimo posto utile per partecipare alla post-season. In coda, vincono Marina di Ragusa e Sant’Agata, prossime avversarie dell’ACR mercoledì e domenica.

Tutti i dettagli delle partite di oggi

Licata 1-1 ACR Messina

Marcatori: 3′ Izco; 60′ Lomasto

Licata: Paterniti; Daniello /87′ Rossitto), Maltese, Orlando, Mannina; Greco, Frisenna; Izco, Civilleri, Souarè (64′ Cappello); De Luca. A disposizione: Moschella, Rizzo, Ficarra, Treppiedi, Bertella, Catalano, Candiano. Allenatore: Campanella.

ACR Messina: Caruso; Mazzone, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Cristiani (55′ Vacca), Aliperta, Cretella (46′ Crisci); Bollino, Arcidiacono (55′ Cunzi); Foggia (77′ Manfrellotti). A disposizione: Lai, Polichetti, Boskovic, Cascione, Lavrendi. Allenatore: Novelli.

Arbitro: Duzel di Castelfranco Veneto. Assistenti: Scardovì e Ravaioli.

Note: ammoniti Mannina, Greco, Paterniti, Cappello; Cristiani, Arcidiacono, Aliperta.


Football Club Messina 2-1 Castrovillari

Marcatori: 63′ Palma, 81′ Carbonaro; 71′ Bonanno

Football Club Messina (4-2-3-1): Marone; Cangemi (74′ Bianco), Fissore, Da Silva, Ricossa (46′ Panebianco); A. Marchetti, Lodi; Arena, Coria (61′ Palma), Bevis (79′ Mukiele); Carbonaro (86′ D. Marchetti). A disposizione : Monti, Aita, Casella, Romano. Allenatore: Costantino.

Castrovillari: Rizzitano (68′ Stagkos); Manes, Mileto, Cinquegrana (58′ De Caro); Ielo, Capua, Tuninetti, Greco (61′ Indelicato), Pietrangeli (68′ Fernandez); Puntoriere, Bonanno. A disposizione: Principi, Di Dato, Anzillotta, Rodi, Di Battista. Allenatore: Terranova.

Arbitro: Gai di Carbonia. Assistenti: Forgione e Leonardi.

Note: ammoniti Cinquegrana e Arena.

(280)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.